Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Coltivazione, miglioramento genetico, utilizzo in gastronomia, valutazione agronomica e organolettica di Capsicum spp.

Il genere Capsicum appartiene alla famiglia delle Solanaceae, come altre importanti piante coltivate, quali pomodoro, patata, melanzana, tabacco e petunia. Il termine sembra derivare dal Latino capsa che significa “cassetta”, “custodia” e descrive perfettamente il frutto del peperoncino: una piccola scatola con all’interno la placenta, sulla quale sono posizionati i semi. Il termine potrebbe anche derivare dal Greco, kapto, che significa “pungere”: la piccantezza è infatti una delle caratteristiche del genere, anche se una singola mutazione è responsabile della perdita della capacità di produrre capsaicinoidi, le molecole che conferiscono questo carattere. Il peperoncino è originario dell’area centrale del Sudamerica (Bolivia); incisioni rupestri, risalenti al IX e X secolo d.C., rinvenute sulle Ande, testimoniano che in queste zone erano conosciute e domesticate diverse specie appartenenti al genere Capsicum. Altri autori sostengono che il centro di origine sia il Messico dove, ancora oggi, le popolazioni indigene utilizzano specie con bacche piccole e piccanti.
Aromi, vitamine e colori partecipano al fascino del peperoncino. La composizione è diversa in funzione della specie, della cultivar, delle condizioni di coltivazione e allo stadio della raccolta. È per questo che la variabilità genetica viene conservata e considerata un bene prezioso dai produttori interessati alla coltura: le diverse varietà non sono assolutamente interscambiabili. I composti più importanti sono i carotenoidi, che contribuiscono al colore del frutto e hanno un importante ruolo nutrizionale, e i capsaicinoidi, alcaloidi che conferiscono piccantezza.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1. Introduzione 1.1 Etimologia del nome, origine e principali note botaniche Il genere Capsicum appartiene alla famiglia delle Solanaceae, come altre importanti piante coltivate, quali pomodoro, patata, melanzana, tabacco e petunia. Il termine sembra derivare dal Latino capsa che significa “cassetta”, “custodia” e descrive perfettamente il frutto del peperoncino: una piccola scatola con all‟interno la placenta, sulla quale sono posizionati i semi. Il termine potrebbe anche derivare dal Greco, kapto, che significa “pungere”: la piccantezza è infatti una delle caratteristiche del genere, anche se una singola mutazione è responsabile della perdita della capacità di produrre capsacinoidi, le molecole che conferiscono questo carattere. Il peperoncino è originario dell‟area centrale del Sudamerica (Bolivia); incisioni rupestri, risalenti al IX e X secolo d.C., rinvenute sulle Ande, testimoniano che in queste zone erano conosciute e domesticate diverse specie appartenenti al genere Capsicum. Altri autori sostengono che il centro di origine sia il Messico dove, ancora oggi, le popolazioni indigene utilizzano specie con bacche piccole e piccanti. Il viaggio di Cristoforo Colombo e le successive spedizioni dei Conquistadores in America hanno permesso la diffusione del peperone in Europa, Asia e Africa. Colombo denominò erroneamente la nuova spezia “pepe” in quanto ricordava la piccantezza del Piper nigrum al quale il peperone non è filogeneticamente correlato. Peter Martyr (Anghiera, 1493) scrisse che il “pepper” di Colombo era “più piccante di quello del Caucaso”: l‟assunzione che fosse un nuovo tipo di pepe nero ha incentivato la rapida introduzione della spezia nelle tradizioni culinarie locali. Contrariamente all‟opinione comune, il peperoncino non viene dall‟India o dalla Cina. L‟errata convinzione che il peperoncino sia nativo dell‟India è un elemento fondamentale per comprendere uno dei più grossi pasticci della storia. Nativo dell‟India invece era il pepe nero (Piper nigrum). Colombo partì verso Ovest, nel 1492, e finì nei caraibi. Ma era convinto di aver raggiunto la sua destinazione, l‟India, e raccontò di aver sentito l‟odore del fiume Gange. Il suo medico di bordo scrisse ai reali spagnoli di aver scoperto il nativo “ pepe indiano”. Successivamente lo stesso Colombo scrisse: “ scoprii che la terra produceva molto ajì, che è il pepe dei suoi abitanti, è molto più prezioso del tipo comune (pepe nero); lo considerano molto sano e non mangiano niente senza di esso. Nella sua circumnavigazione del globo, il peperoncino si è evoluto in un numero strabiliante di specie e varietà diverse, assumendo nuove intensità e nuove forme di piccante, a seconda del suolo, delle precipitazioni e della temperatura. Nelle isole dei Caraibi gli indiani chiamavano il peperone “aji”, termine ancora oggi impiegato nella lingua Aymara tipica delle Ande del Perù e della Bolivia. Gli indiani del Messico utilizzano il termine “chili”; gli Andini del Perù con “uchu” indicano i frutti raccolti sulle piante selvatiche. Nel Vecchio Mondo sono nate diverse espressioni per denominare le spezie a base di peperone, importate dalle Americhe: “Pepe Indiano”, “Pepe di Calicut”, “Pepe di Guinea”, “Pepe di Cayenna”, “Pepe del Brasile”. Tra i vari termini, “Pepe dei poveri” esprime bene il fatto che questa pianta ha reso democratico l‟uso delle spezie, fino ad allora destinate alle tavole dei nobili e dei ricchi. Oggigiorno il genere Capsicum ha una vasta dispersione geografica che va dalla cintura intertropicale alle latitudini del Nord Europa, ciò lo rende suscettibile a un gran numero di patogeni. Gli Oomyceti, i nematodi e i virus trasmessi da afidi sono i principali responsabili delle perdite di produzione della coltura in tutto il mondo. 1.2 Classificazione di Capsicum spp In base alla più recente classificazione, il genere Capsicum appartiene al: Regno Plantae Divisione Magnoliophyta Classe Mognoliopsida Ordine Solanales

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Giuseppe Salvatore Paladino Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2808 click dal 05/08/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.