Skip to content

Il cinema, l' ''inganno supremo''. Illusione, seduzione, incanto nel rapporto immaginario tra schermo e spettatore

Informazioni tesi

  Autore: Eliana Grimaldi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Cinema, televisione e produzione multimediale
  Relatore: Lucilla Albano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

La mia tesi ripercorre le teorie psicoanalitiche del cinema per dimostrare un teorema semplice, ma inaspettato: il rapporto fra schermo e spettatore è del tutto simile a quello fra due innamorati. La visione di un film è un'esperienza eccitante: il dispositivo cinematografico appaga i nostri sensi come un amante ideale. La psicoanalisi di Lacan applicata alla settima arte mostra ciò che accomuna il cinema e l'amore: l'inganno e, nello stesso tempo, il piacere di essere ingannati.
Guardare un film è un’esperienza magica, prodigiosa. Non appena il fascio di luce raggiunge lo schermo, quest’ultimo si spalanca, come una finestra, e si affaccia su un mondo meraviglioso, affine al nostro, ma diverso, sconosciuto. Lo spettatore si tuffa ogni volta in questo universo incantato, è rapito dalle enormi immagini che fuoriescono dallo schermo e gli vanno incontro. Le immagini lo catturano, lo afferrano attraverso lo sguardo, quella fune invisibile che resta sospesa fra gli occhi e lo schermo: una volta agganciato dalla trappola del dispositivo, lo spettatore vive dentro il film, perfettamente a suo agio, come nel ventre materno. Quel mondo fittizio sembra fatto su misura per lui.
Il cinema, la più ingannevole tra tutte le arti, regala allo spettatore un’esperienza straordinaria, totalizzante: egli dimentica che sta vedendo il film di qualcun altro, gli sembra di vivere un sogno, il proprio sogno. Sullo schermo proietta se stesso, i propri desideri. Alla proiezione del dispositivo si accompagna così un’altra proiezione: le immagini sullo schermo lasciano spazio anche all’immaginario di chi guarda. Lo spettatore mescola i propri desideri a quelli del regista creando una confusione tale che non è più possibile distinguere gli uni dagli altri. Egli può trovarsi così a provare un desiderio che non era il proprio in origine, ma che il dispositivo lo ha indotto a desiderare.
Lo spettatore scambia se stesso per il regista, si identifica con lui, anzi con un’immagine migliore di lui: egli si identifica con un essere onnipotente in grado di guardare e dominare ogni cosa. Lo spettatore scambia l’altro, il regista, con il Grande Altro lacaniano, da qui nasce il rispetto, il timore reverenziale, ma anche l’amore: amare qualcuno significa investirlo di autorità.
Il regista si identifica con lo spettatore, con colui che guarda il proprio film, nel momento stesso in cui lo realizza, anzi è proprio per lui che lo realizza. Egli pensa continuamente allo spettatore, presenza ingombrante, anche quando non c’è, Grande Altro anche lui, da rispettare e riverire.
Il film è un incontro tra due innamorati, ciascuno finge di ignorare l’altro, ma la finzione fa parte del gioco. La partita che si disputa nella sala buia è quella della seduzione. Il regista ci affascina con quel tripudio di immagini, colori, suoni che invade la sala e sfonda le pareti, trasportandoci lontano, negli sconfinati territori della fantasia; noi lo seduciamo con la nostra disponibilità: abbiamo occhi e orecchi solo per lui, il che vuol dire controllo, ma anche ammirazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La sala buia, il silenzio, il fascio di luce violenta sullo schermo, le ombre che si muovono, il suono che arriva non si sa da dove … niente paura, non ci troviamo in nessun luogo spaventoso: siamo solo al cinema. Guardare un film è un’esperienza magica, prodigiosa. Non appena il fascio di luce raggiunge lo schermo, quest’ultimo si spalanca, come una finestra, e si affaccia su un mondo meraviglioso, affine al nostro, ma diverso, sconosciuto. Lo spettatore si tuffa ogni volta in questo universo incantato, è rapito dalle enormi immagini che fuoriescono dallo schermo e gli vanno incontro. Le immagini lo catturano, lo afferrano attraverso lo sguardo, quella fune invisibile che resta sospesa fra gli occhi e lo schermo: una volta agganciato dalla trappola del dispositivo, lo spettatore vive dentro il film, perfettamente a suo agio, come nel ventre materno. Quel mondo fittizio sembra fatto su misura per lui. Il cinema, la piø ingannevole tra tutte le arti, regala allo spettatore un’esperienza straordinaria, totalizzante: egli dimentica che sta vedendo il film di qualcun altro, gli sembra di vivere un sogno, il proprio sogno. Sullo schermo proietta se stesso, i propri desideri. Alla proiezione del dispositivo si accompagna così un’altra proiezione: le immagini sullo schermo lasciano spazio anche all’immaginario di chi guarda. Lo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi