Skip to content

La Presidenza Allende e la crisi democratica del Cile

Informazioni tesi

  Autore: Antonangelo Mura
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Fulvio Venturino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

La presente tesi di laurea specialistica tenta di analizzare le vicende che hanno portato il Presidente Allende e il suo partito al governo ed i fattori che hanno causato il crollo della democrazia cilena nel 1973, fino ad allora unico paese latinoamericano a non aver subito regimi autoritari dopo aver ottenuto l'indipendenza, partendo fin dalla costituzione della repubblica e del sistema partitico del Cile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO PRIMO: BREVE STORIA DEL CILE E DEL PRESI- DENZIALISMO CILENO 1-Bolívar e la sua idea di Repubblica Il Cile, è uno degli stati che si è guadagnato l’indipendenza nel 1818, con i moti ispiratisi alla Rivoluzione Francese e all’Indipendenza Americana. Inizialmente venne messa in piedi una forma di governo dittatoriale, tipica degli stati di recente formazione e si trasformò infine, nel 1833, in repubblica (come tutti gli altri stati del continente) presidenziale, qualità che ha mantenuto fino ad oggi, seppur con qualche variazione nel- le costituzioni che si sono succedute. Simon Bolívar e gli altri illuminati liberatori del continente sudamericano, inten- devano disfarsi del giogo monarchico e feudale ibero-lusitano (piø iberico, giacchØ era la Spagna il principale nemico del Bolívar) 2 , per fondare, questo secondo il disegno bo- livariano, un grande stato centrale (piø avanti federale) composto dai territori liberati. Ogni nuovo stato liberato avrebbe così fatto parte della “Gran Colombia”. Ciò però non accadde, poichØ i governatori posti a capo delle zone liberate, nel 1830, a seguito (in re- altà anche prima, visto che il Libertador si era già ritirato a vita privata) della morte di Simon Bolívar, indebolirono il movimento, nel momento in cui rivendicarono il diritto di proclamare ciascuno dei loro governatorati, stati totalmente indipendenti e sovrani. Ma quali erano le idee di Bolívar sui fondamenti statuali, sull’origine del potere e sulla democrazia? E l’America latina ed il Cile hanno rispettato questa volontà? Andia- mo con ordine, per seguire l’evoluzione dei sistemi di governo del continente in genera- le e del Cile in particolare. Il Libertador, pur non essendo un esperto di legge, aveva in mente i piø grandi e- sempi di democrazie nate dalla rivoluzione: la Francia con il suo esperimento di repub- blica e governo rivoluzionario (dopo il rovesciamento della monarchia nel 1789), ma soprattutto gli Stati Uniti, per i suoi ideali di libertà e la sua democrazia 3 . Bolívar era favorevole al federalismo, ma temeva che esso fosse dannoso per gli stati nascenti: pen- sò allora che uno stato centralista potesse essere, inizialmente, la soluzione migliore in quelle circostanze, ma senza avventurarsi in imprese monarchiche assolute o anche se- mi-democratiche. La base del potere sarebbe stata comunque il popolo, poichØ la sovranità risiedeva secondo lui, «nella totalità dei cittadini», ma soprattutto che «il non esercizio non com- porta la perdita per desuetudine» e che «il bene o il male siano fatti in base alla volontà del popolo» 4 , per cui ogni manifestazione popolare che avesse espresso la contrarietà anche ai suoi progetti, sarebbe stata da rispettare. Simon Bolívar era convinto che il mi- gliore governo fosse quello democratico e, durante la sua permanenza al potere cercò di 2 Il Brasile, che otterrà l’indipendenza dal Portogallo per vie pacifiche nel 1822, al fine di evitare il dif- fondersi dell’ondata indipendentista, si trasformerà direttamente da Regno a Repubblica. 3 A dire il vero lo sono ancora oggi. Bolívar guardava alla prima per quanto riguarda la nascita di ideali nuovi, e ai secondi per quanto riguarda lo sviluppo dei valori della Rivoluzione francese e le istituzioni statali. Si può dire comunque che giudicasse piø importante il secondo aspetto, perchØ «buone istituzioni favoriscono governi migliori per il popolo». 4 In merito alla seconda affermazione, si riferisce alla periodicità delle elezioni: il tempo che intercorre tra un esercizio elettorale e l’altro non pregiudica la possibilità di sottoporre nuovamente a elezioni i poteri legislativo ed esecutivo. Un mandato non è per sempre. Egli afferma che «La volontà popolare, manife- stata in modo corretto, costituisce la radice innegabile dei poteri pubblici». Qualche tempo prima di mo- rire dirà che «la vera sovranità è nella maggioranza della nazione». JosØ Luis Salcedo-Bastardo, Simon Bolívar: la vita e il pensiero politico, Istituto della Enciclopedia italiana, Roma 1983, p. 115.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

presidenzialismo
sistema elettorale
cile
transizione democratica
11 settembre
sistema partitico
pinochet
unidad popular
up!
salvador allende
golpe militare
regime democratico
regime autoritario
crisi democratica
crollo democratico
partido radical
partido democrata cristiano
partido nacional
jorge alessandri

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi