Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Chi è l'autore di un film?

Chi è l'autore di un film? Questa è la domanda che sta alla base della mia tesi ripercorrendo le posizioni della filosofia analitica di Berys Gaut, Paisley Livingston, ma anche di Foucault e Barthes, nel tentativo di risolvere la questione dell'autore nell'ambiente fortemente collaborativo del cinema.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Introduzione Introduzione Introduzione Q uesto elaborato si basa sullo studio di una tematic a a me cara e sulle considerazioni che ho potuto trarre dalla mia esper ienza personale. Per quanto riguarda lo studio mi sono interessato princ ipalmente dei testi prodotti sull’argomento provenienti dall’ambito del la filosofia analitica. Dalla mia piccola esperienza nella produzione di co rtometraggi, lungometraggi, nell’analisi filmica e nell’organizz azione di manifestazioni relative al cinema ho potuto trarre elementi import anti, a partire dall’ideazione di questa tesi. La domanda che fa da titolo a questa trattazione è una domanda che mi sono spesso posto sia quando producevo opere filmiche sia quando mi capitava di commentare qualche film in occasione di vari cineforum. Avendo poi fat to qualche cortometraggio, mi sono spesso trovato nella situaz ione di essere indicato come autore di cortometraggi, senza capire cosa ciò volesse dire. In un caso particolare – quello del mio penultimo cortome traggio nel 2008 – ciò ha assunto i connotati di un giallo hitchcockiano. Per quel progetto partii, come spesso mi accade, da delle suggestioni artisti che, espressive ed intellettuali e cominciai a figurarmi le immagini e d i ritmi che avrebbero dato forma alle mie suggestioni. Il corto nella mia mente era muto, privo di una musica particolare, ma avevo ben chiaro in test a il ritmo e la “musicalità” delle immagini. La mia, di fatto, era una costruzione prettamente visiva. Durante le riprese sono stato m olto flessibile, completando il mio progetto creativo con elementi n uovi, punti di vista inimmaginabili precedentemente e modificando il mio piano originale adattandolo a situazioni contingenti e alla sua nuo va elaborazione. Una

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Bartolo Ayroldi Sagarriga Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 684 click dal 24/08/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.