Skip to content

I significati musicali nella Santa Cecilia di Raffaello

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Grandi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Sonia Cavicchioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

Fin dal Vasari, attraverso i vari periodi della storia moderna e contemporanea, l'Estasi di Santa Cecilia di Raffaello è stata studiata, talora amata appassionatamente, altre volte invece oggetto di critiche aspre e accuse ferree. Tanti critici nel tempo si sono prodigati nella lettura sotto molteplici punti di vista: non solo gli storici dell'arte, ma anche gli stessi musicologi, i musicisti e i filosofi. Oggi, quale taglio critico proponiamo alla luce degli studi intercorsi in tanti anni e dell'eterogeneità delle interpretazioni del capolavoro raffaellesco? Possiamo superare ogni ambiguità interpretativa? Quest'analisi prende l'avvio dalla critica attuale, quella novecentesca in particolare, ma non tralascia la critica passata che, lungi dall‟essere considerata semplicisticamente superata, viene tenuta in considerazione in relazione ai suoi tempi. Obiettivo del presente lavoro è riorganizzare i commenti critici illustri cercando di ricondurli ad un denominatore comune, ossia ai significati musicali, espliciti e impliciti, che permeano l'opera e che ne hanno rappresentato la sua fortuna.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Fin dal Vasari, attraverso i vari periodi della storia moderna e contemporanea, l‟Estasi di Santa Cecilia di Raffaello (fig. 1) è stata studiata, talora amata appassionatamente, altre volte invece oggetto di critiche aspre e accuse ferree. Tanti critici nel tempo si sono prodigati nella lettura sotto molteplici punti di vista: non solo gli storici dell‟arte, ma anche gli stessi musicologi, i musicisti e i filosofi. Per non parlare poi della fortuna visiva dell‟opera: tra disegni e memorie grafiche, trascrizioni incisorie, stampe italiane e francesi, si può dire che quest‟opera di Raffaello ha fatto davvero scuola. Oggi, quale taglio critico proponiamo alla luce degli studi intercorsi in tanti anni e dell‟eterogeneità delle interpretazioni del capolavoro raffaellesco? Possiamo superare ogni ambiguità interpretativa? Quest‟analisi prende l‟avvio dalla critica attuale, quella novecentesca in particolare, ma non tralascia la critica passata che, lungi dall‟essere considerata semplicisticamente superata, viene tenuta in considerazione in relazione ai suoi tempi. Obiettivo del presente lavoro è riorganizzare i commenti critici illustri cercando di ricondurli ad un denominatore comune, ossia ai significati musicali, espliciti e impliciti, che permeano l‟opera e che ne hanno rappresentato la sua fortuna. Ma cosa intendiamo per Musica? E quali sono i suoi rapporti con l‟arte? Per spiegarli, questo lavoro intreccia eventi storico-artistici e storico-musicali nel tempo fino ad approdare al vertice più alto della cultura italiana rappresentato dall‟epoca di Raffaello, i primi vent‟anni del Cinquecento, per eccellenza il cosiddetto pieno Rinascimento. Iniziamo dunque con un breve excursus di critica storica per arrivare poi a quella moderna. Già il Vasari nel 1550 nelle sue Vite sottolinea l‟importanza dell‟“apparizione”, dell‟“estasi”, della “divinità” del capolavoro. Egli usa gli aggettivi tipici cinquecenteschi: “rara, miracolosa, ben fatta e colorita, divina e non dipinta”. In più, il Vasari aggiunge che gli strumenti musicali furono rappresentati per volere di Raffaello da uno dei suoi migliori allievi, Giovanni da Udine. Anche il Dolce ne L’Aretino del 1557 parla di “santità e divinità” dell‟opera. E il Lomazzo nel Trattato dell’Arte della Pittura del 1584 si sofferma sull‟aspetto legato alla “contemplazione” e Santa Cecilia viene così a ridursi a figura dell‟iconologia, con un‟immagine già prodigiosamente barocca. Terminato il Cinquecento, per Raffaello inizia l‟interpretazione classicista seicentesca e con essa cominciano altresì le prime accuse al suo lavoro. Se ne possono distinguere di due generi: la prima è quella di secchezza, durezza dell‟opera; la seconda è di anacronismo dei personaggi. Da un lato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musica
amore
estasi
armonia
raffaello
santa cecilia
significati musicale di un'opera d'arte
imago musicae
harmonia mundi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi