Skip to content

Analisi della sicurezza pedonale in prossimità delle aree scolastiche mediante la tecnica dei conflitti di traffico

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Interlandi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Salvatore Cafiso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 248

Lo studio condotto nell’ambito di questa tesi si inserisce nel contesto delle analisi della sicurezza pedonale.
Infatti, è stata scelta e descritta (Capitolo 1), la TCT, che consentisse lo studio del concetto di “conflitto”, inteso come evento che precede un incidente o prossimo allo stesso, e che quindi è mirato alla prevenzione e alla determinazione, prima che si verifichino, delle cause che portano ad un incidente.
Si è, quindi, dedicata una sezione della presente tesi alla descrizione delle diverse tipologie di interazione tra i veicoli e i pedoni, e ai loro comportamenti a rischio in relazione alla sicurezza stradale.
Per concludere, si è dedicata l’ultima sezione di questa analisi (Capitolo 3) alla identificazione delle tipologie dei conflitti riscontrati nei siti scolastici presi in esame, (scuole materne, elementari e medie del Comune di Biancavilla (CT)) alla determinazione e alla elaborazione dei loro dati e ad un’analisi dei risultati ottenuti da tale elaborazione.

Tesi vincitrice del Premio di Laurea "Giulia Arena Montella", per l'a.a. 2010/2011

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1 INTRODUZIONE I problemi di sicurezza dei contesti urbani possono essere ricondotti ai volumi di traffico transitanti, alle velocità adottate, alla geometria delle strade, alle manovre effettuate o ad una combinazione di questi elementi. Sempre più spesso, tuttavia, è il traffico automobilistico ad essere l’elemento predominante nel condizionare le prestazioni di sicurezza degli itinerari urbani, determinando un impatto talmente elevato da far percepire le strade come un luogo non sicuro per pedoni, ciclisti e persino per gli stessi automobilisti. Si comprende, pertanto, perché ai giorni nostri si sia fatta sempre più pressante la richiesta da parte delle utenze deboli di riprendere possesso della città. Nel contempo, è aumentata la sensibilità verso tali questioni, e, molte amministrazioni, in fase di pianificazione territoriale, hanno provveduto ad attribuire a determinate strade una connotazione di viabilità locale a vocazione anche residenziale. Le considerazioni appena svolte rendono conto di come siano divenute di estrema attualità le problematiche connesse alla realizzazione di interventi che migliorino la sicurezza pedonale in ambito urbano, soprattutto in quelle aree dove un elevato flusso pedonale viene a intersecarsi con un elevato flusso veicolare (ad esempio, le aree scolastiche durante gli orari di entrata/uscita degli alunni). Basti pensare che le modalità di trasporto, da e per le scuole pubbliche, sono notevolmente cambiate negli ultimi decenni. In passato, la maggior parte dei viaggi per scuole di quartiere nelle aree urbane avvenivano con l'autobus della scuola, a piedi o in bicicletta. Oggi invece, le autovetture private sono diventate il modo dominante per gli studenti per andare a scuola, con la percentuale di spostamenti dei veicoli privati che va in media dal 51% al 59%. Si dovrebbe, quindi, pianificare una azione strutturale qualificata e mirata alla mitigazione del rischio e quindi alla diminuzione del tasso di incidentalità nelle aree limitrofe alle scuole. La sicurezza della circolazione è di solito misurata in termini di numero di incidenti stradali e le loro conseguenze in termini di gravità. Sebbene l’approccio basato sui dati storici può essere utile per identificare i problemi legati alla sicurezza, esso è un approccio di tipo “reattivo”, ovvero bisogna registrare un numero significativo di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi
scuola
veicoli
pedoni
sicurezza pedonale
conflitto di traffico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi