Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'azione delle Nazioni Unite in Libano: il caso dell' Unifil

Descrizione della missione Onu Unifil in Libano: storia e mandato.
La missione UNIFIL viene istituita dalla risoluzione 425 (1978) del 19 marzo 1978 , su specifica richiesta del governo libanese in seguito all’incursione israeliana in Libano iniziata il 14 marzo e denominata “Operazione Litani”. Quest’azione militare si inserisce all’interno dal conflitto arabo-israeliano di lungo corso. Dal 1968 l'OLP, Organizzazione per la Liberazione della Palestina, e altri gruppi palestinesi avevano di fatto il controllo del Libano meridionale e lo usavano come base per raid nella zona settentrionale di Israele. Questa situazione era stata esasperata dall'afflusso di 3.000 militanti dell'OLP in fuga dopo la disfatta della guerra civile in Giordania che si raggrupparono nel Libano meridionale. Israele risponde con attacchi contro villaggi libanesi e basi dell'OLP. La violenza aumenta, culminando infine nella guerra del 1982 e l'espulsione dell'OLP dalla nazione. L’11 marzo 1978 11 membri di Al-Fatah guidati dalla diciottenne Dalai Mughrabi partono dal Libano e uccidono un turista americano sulla spiaggia di Maagan Michael, un kibbutz israeliano tra Haifa e Tel Aviv. Dopo dirottano un bus sulla strada costiera vicino a Haifa e sulla strada per Tel Aviv requisiscono un secondo bus. Dopo un lungo inseguimento e una sparatoria, 37 Israeliani vengono uccisi e 76 feriti. Questa vicenda è la causa primaria dell'invasione israeliana incominciata tre giorni più tardi. Il Governo israeliano motiva questa aggressione con la necessità di creare una fascia di sicurezza all'interno del territorio libanese sino al fiume Litani e, così facendo, tenere i suoi villaggi in prossimità della frontiera fuori dal raggio d'azione dell'artiglieria palestinese, che con numerosi attacchi causava molte perdite fra i civili. Gli obiettivi di tale operazione erano quelli di spingere i gruppi militanti palestinesi, in particolare l'OLP, lontano dal confine con Israele e di aiutare quello che al tempo era un alleato di Israele, l'Esercito del Libano del Sud (SLA). Durante l'offensiva durata sette giorni, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) proseguono a nord del fiume Litani. Il governo libanese stima che l’invasione aveva causato all'incirca 285.000 profughi, l’uccisione di circa 1.100-2.000 libanesi quasi tutti civili , mentre i morti israeliani furono 201.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. L’ OPERAZIONE LITANI La missione UNIFIL viene istituita dalla risoluzione 425 (1978) del 19 marzo 1978 , su specifica richiesta del governo libanese in seguito all’ incursione israeliana in Libano iniziata il 14 marzo e denominata “Operazione Litani”. Quest’ azione militare si inserisce all’ interno dal conflitto arabo-israeliano di lungo corso. Dal 1968 l'OLP, Organizzazione per la Liberazione della Palestina, e altri gruppi palestinesi avevano di fatto il controllo del Libano meridionale e lo usavano come base per raid nella zona settentrionale di Israele. Questa situazione era stata esasperata dall'afflusso di 3.000 militanti dell'OLP in fuga dopo la disfatta della guerra civile in Giordania che si raggrupparono nel Libano meridionale. Israele risponde con attacchi contro villaggi libanesi e basi dell'OLP. La violenza aumenta, culminando infine nella guerra del 1982 e l'espulsione dell'OLP dalla nazione. L' 11 marzo 1978 11 membri di Al-Fatah guidati dalla diciottenne Dalai Mughrabi partono dal Libano e uccidono un turista americano sulla spiaggia di Maagan Michael, un kibbutz israeliano tra Haifa e Tel Aviv. Dopo dirottano un bus sulla strada costiera vicino a Haifa e sulla strada per Tel Aviv requisiscono un secondo bus. Dopo un lungo inseguimento e una sparatoria, 37 Israeliani vengono uccisi e 76 feriti. Questa vicenda è la causa primaria dell'invasione israeliana incominciata tre giorni più tardi. Il Governo israeliano motiva questa aggressione con la necessità di creare una fascia di sicurezza all'interno del territorio libanese sino al fiume Litani e, così facendo, tenere i suoi villaggi in prossimità della frontiera fuori dal raggio d'azione dell'artiglieria palestinese, che con numerosi attacchi causava molte perdite fra i civili. Gli obiettivi di tale operazione erano quelli di spingere i gruppi militanti palestinesi, in particolare l'OLP, lontano dal confine con Israele e di aiutare quello che al tempo era un alleato di Israele, l'Esercito del Libano del Sud (SLA). Durante l'offensiva durata sette giorni, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) proseguono a nord del fiume Litani. Il governo libanese stima che l’ invasione aveva causato all'incirca 285.000 profughi, l’ uccisione di circa 1.100-2.000 libanesi quasi tutti civili , mentre i morti israeliani furono 20 1 . 1 http://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_del_Libano_%281978%29

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emilia Vavassori Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 955 click dal 26/08/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.