Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sogno come strumento cognitivo dell'inconscio e metodo di produzione artistica

L’origine di questa tesi affonda le sue radici nell’ancestrale esercizio dell’ interpretazione e trascrizione del sogno.
Una mattina di novembre del 2009, al mio risveglio, annotai sull’agenda un simbolo apparentemente privo di qualsiasi significato.
Questo tuttavia era molto chiaro nella mia mente, e pareva che le mani venissero direttamente guidate dall’inconscio nella sua trascrizione, tanto era accurata e dettagliata.

Partendo dal simbolo onirico che costituisce il nucleo centrale della tesi, si è sviluppata una minuziosa ricerca che ha contemplato molteplici simbologie mitiche, associate ad un’ulteriore ricerca più dettagliata, quella archeo-astronomica, condotta nei luoghi della cultura nuragica Sarda.

Le interconnessioni e le corrispondenze tra le più disparate simbologie e mitologie non stupiscono. E con più minuzia e riguardo, la cultura sarda pare senza troppa fatica concedersi allo studio e all’analisi. Senza fatica perché, in qualche maniera, certi archetipi, da sempre emersi e presenti nella vita del popolo sardo, forse rimasero solamente emarginati. Forse vennero e sono tutt’ora dati per scontati, poiché pienamente integrati in una cultura in cui lo stretto legame e affinità con la terra è imprescindibile.

L’obiettivo principale della tesi in questione è quello di avvalorare l’ipotesi di uno strettissimo parallelismo tra i fenomeni onirici e la creazione artistica.
Ovvero tracciare un’asse di connessione sequenziale tra
• immaginazione (onirica)
• simbolo
• mito
• rito,
in virtù della tipologia di linguaggio attraverso i quali essi si esprimono: l’archetipo.
L’affermazione del dominio dell’immagine/immaginazione sui processi razionali e consci della psiche mira a concentrare l’attenzione sulla sfera di processi psichici che rivestono il difficile compito di dare voce e forma all’inconscio.
Questa molteplicità di miti e proiezioni presenti all’interno del simbolo onirico protagonista hanno dunque lo scopo di condurre alla comprensione dell’inconscio.
Essi si concretizzano, attraverso una messa in scena al confine tra poesia e narrazione nel mio progetto artistico - medio metraggio dal titolo “Sa Profetzia”.
L’opera (ri)propone una molteplicità di esperienze comuni e per questo è stata concepita a favore di un’ampia condivisione collettiva.
“Sa profetzia” nasce dunque da simbologie oniriche cosmologicamente comuni ed articola all’interno della cultura e della mitologia nuragica il tema globale del rito d’iniziazione.

Diploma di Laurea

Facoltà: Progettazione e Arti Applicate

Autore: Giulia Palomba Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5640 click dal 29/08/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.