Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Berlinguer e i Cattolici 1972-84

Questo lavoro intende ricostruire proprio il pensiero di Berlinguer riguardo tale tematica e soprattutto cercare di capire come poi le parole dell'ex segretario comunista si siano tradotte in atti politici pratici sia verso la Democrazia cristiana, sia verso il “mondo” cattolico.
L'arco di tempo in cui si svolge la ricerca è quello corrispondente alla segreteria di Enrico Berlinguer presso il Pci, e quindi va dal XIII Congresso del partito, tenutosi nel marzo 1972, fino alla morte avvenuta a Padova l'11 giugno del 1984. Con sufficiente approssimazione si possono distinguere quattro fasi della strategia berlingueriana verso il mondo cattolico...

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Quali furono la linea e la condotta politica di Enrico Berlinguer verso i cattolici, parte determinante della società e dell'elettorato italiano? In quale modo il segretario che portò il Pci al suo massimo storico riuscì ad elaborare delle politiche accettabili anche dall'elettorato cattolico? Quale fu il rapporto col grande antagonista di sempre, la Democrazia cristiana? Vi furono risultati apprezzabili? Questa ricerca intende ricostruire proprio il pensiero e le mosse di Berlinguer (e nominando il segretario si deve aggiungere anche “del Pci”, dato il seguito interno che il politico sardo ebbe per almeno due terzi del suo mandato) riguardo tale problematica e soprattutto vuole cercare di capire come poi le posizioni dell'ex segretario comunista si siano tradotte in atti politici pratici sia verso la Democrazia cristiana, sia verso il “mondo” cattolico, in una prospettiva che può risultare di interesse anche oggi, in una fase politica in cui la questione dell'appartenenza politica dei cattolici non solo è irrisolta, ma addirittura non trova un suo referente politico certo, essendo il mondo cattolico diviso in almeno tre partiti, di cui uno, quello che più si richiama all'esperienza democristiana, è rappresentativo di una percentuale di voti di poco superiore al 5%. L'arco di tempo che coinvolge la presente ricerca è quello corrispondente alla segreteria di Enrico Berlinguer presso il Pci, e quindi inizia con il XIII Congresso del partito, tenutosi nel marzo 1972 per terminare con la morte dell'ex segretario sardo, avvenuta a Padova l'11 giugno del 1984. Per la stesura della tesi si è fatto ricorso in prima battuta alle ricostruzioni generaliste sul periodo preso in questione; si è poi proceduto con l'approfondimento delle questioni biografiche riguardanti il segretario del Pci, consultando delle biografie sia di stampo storico-critico che di stampo maggiormente aneddotico e “personale”. Una parte importante della ricerca è stata dedicata poi alla bibliografia degli scritti di Berlinguer, desunti sia da varie edizioni di testi antologici usciti negli anni, sia affidandosi all'archivio de “L'Unità”, di cui sono stati consultati circa 600 numeri quotidiani. Sono stati visionati inoltre anche una quarantina di articoli provenienti da riviste ed altri quotidiani appartenenti sia all'area comunista che non. Inoltre, è stato approfondito il lavoro a livello critico mediante lo studio delle memorie di vari collaboratori vicini a Berlinguer e di vari contributi critici di studiosi storici, uomini politici vicini e non ai comunisti. Infine, 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Enrico Strina Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 957 click dal 07/09/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.