Skip to content

Il mondo musulmano tra shariah e democrazia

Informazioni tesi

  Autore: Sonia Cannarella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Federico Cresti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 202

Il rapporto tra islàm e democrazia è, oggi, in varie forme e aspetti, uno dei temi più dibattuti nel quadro degli studi politici del mondo islamico contemporaneo. Tale rapporto attiene innanzitutto alla sfera politica, ma anche a quella sociologica, nonché a quella letteraria e, last but not least, a quella religiosa.
Il nostro mondo, che ai fini della trattazione, s’indicherà come “occidentale”, ci propone un modello di democrazia liberale basato su molteplici elementi costitutivi quali libere elezioni, costituzione, pluralità, varie forme di rappresentanza. Tutti, questi ultimi, fattori squisitamente politici, ma anche altri di natura prettamente sociologica: è indubbio, infatti, che si associ spesso il termine democrazia a concetti quali il rispetto dei diritti umani, la tolleranza religiosa, la libertà di parola, di pensiero, di associazione, di stampa. Alla luce di quanto detto il mondo occidentale è definito “democratico”, mentre quello “islamico” viene associato a vari appellativi: da “autoritario”, “intollerante”, “totalitario”, o, più recentemente “terroristico”, o, ancora, addirittura privo di una vera forma di governo propriamente detta, argomentando al proposito che la religione musulmana che queste popolazioni, di varia provenienza geografica, professano, sia incompatibile con forme più o meno compiute di democrazia.
Senza azzardare visioni o tesi eccessivamente ottimistiche in prospettiva di una transizione democratica dei paesi arabo-musulmani, questo lavoro vuole essere solo un tentativo, sorretto da elementi empirici, teso a verificare le possibilità di una possibile coesistenza tra Islàm e democrazia e soprattutto volto ad abbattere, nei limiti del possibile, stereotipi poco fruttuosi e di origine pregiudiziale che identificano il mondo islamico, nella sua totalità, con una realtà chiusa, autoritaria e senza vie di sbocco. Pregiudizi e stereotipi influenzano, limitandole, le nostre capacità di pensiero e critica, assoggettandoci a una forma di potere astratto ma molto potente e minatorio.
Questo piccolo cammino (intendo come tale il presente lavoro) partirà dall’influenza esercitata dalle religioni, a titolo generale nella politica di ogni epoca e civiltà, toccando in particolare i paesi islamici. Si andranno poi ad analizzare le prime forme di governo e di stato, visti attraverso la lente religiosa e puntando in particolar modo sulle costituzioni. L’analisi di due casi empirici, uno sciita e uno sunnita (Iran e Tunisia), ci permetterà poi di riscontrare la presenza religiosa nelle loro rispettive costituzioni e i segni, quindi, di una possibile e valida democrazia. Si concluderà poi con una breve indagine sul campo, svolta utilizzando come strumento di rilevazione un questionario, o per meglio dire delle interviste composte da domande proposte a cittadini di religione musulmana, residenti a vario titolo nel nostro Paese, volto a constatare la più o meno forte compatibilità, nei loro pensieri, tra religione islamica ed istituzioni democratiche.
Per effettuare una siffatta indagine, il passo fondamentale è quello di definire i concetti in analisi: islàm e democrazia e l’insieme degli elementi o variabili che li caratterizzano.
Gli oggetti politici di cui si tratterà sono i paesi islamici, considerati come un’unica area, non tanto per la continuità geografica (visto che l’islàm come religione è diffuso in molte parti della terra non sempre vicine tra loro) quanto perché accomunati dalla religione professata e da fattori culturali e storici simili primi fra tutti il processo di colonizzazione e la piuttosto recente storia indipendente.
Le fasi o per meglio dire i punti della strategia di ricerca delineata nelle ultime pagine sono proprie dell’approccio e dello studio comparato. Tuttavia l’indagine che mi sono preposta di effettuare non riguarda la comparazione tra loro di vari stati di religione musulmana o a maggior ragione uno studio comparato tra “l’area islamica” e “l’area occidentale” e quindi uno o più stati musulmani da una parte e alcuni occidentali, quale l’Italia, dall’altra.
Mi sono limitata ad uno studio di area considerata come caso unico l’area a cui appartengono tutti quegli stati per i quali la religione musulmana è la religione di stato e allo stesso tempo fonte di ispirazione della legge o essa stessa legge.
Lo studio del singolo caso e quindi di una singola area, come afferma Lijphart, può rappresentare un importante contributo che ci aiuta a conoscere le specificità del luogo e può offrire materiale per altre ricerche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 I termini democrazia e islàm. Prima di intraprendere il discorso relativo alle effettive possibilità di una democrazia nei paesi islamici, è bene approfondire i due concetti che si sono solo accennati nell‟introduzione così come esposta, cioè democrazia e islàm. I due termini non corrispondono a precise ed immutabili definizioni ma hanno un largo seguito di interpretazioni nonché la tendenza a variare al fine di adattarsi a tempi e spazi diversi. Il concetto di democrazia, per primo, non ha un‟interpretazione univoca ed è precisato in associazione ad aggettivi di vario genere: democrazia liberale, rappresentativa, parlamentare, ecc. Quando parliamo di democrazia, quindi, anche riferendoci al mondo occidentale, dobbiamo precisare a quale tipo di essa ci riferiamo. Non è detto poi che la democrazia sia una forma di governo priva di difetti. Winston Churchill, agli 18

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi