Skip to content

Quale legittimità internazionale in Iraq?

Informazioni tesi

  Autore: Paola Luciani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Aldo Bernardini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

Sei mesi prima dell’inizio dei bombardamenti all’Iraq è arrivato sul tavolo del Quirinale un dossier allarmante; un documento che chiarisce le ragioni della partecipazione italiana alla guerra irachena. Nella premessa si prende atto “dell’esistenza di una elevata possibilità che entro la fine dell’anno venga rovesciato da un’azione militare guidata dagli Usa il regime di Saddam Husein per riportare la democrazia nel paese “e che sia “ probabile che l’abolizione delle sanzioni e la fine dell’embargo vengano seguite dal varo di un grande programma di ricostruzione e ammodernamento dell’Iraq” definito come “ il più grande programma di assistenza e aiuto mai realizzato dopo il piano Marshall”.
[...]
Le posizioni del Consiglio di sicurezza e l’atteggiamento della comunità internazionale dinnanzi alla questione irachena possono essere sistematicamente illustrate attraverso l’adozione e l’emanazione di tre risoluzioni, ciascuna delle quali rappresentativa di una diversa fase della guerra:
-la ris. 1483 del 22 maggio 2003, ;
- la ris. 1511 del 16 ottobre 2003, ;
- la ris. 1546 dell’8 giugno 2004.
Avremmo assistito, quindi, secondo gli occupanti, alla ricostituzione di uno Stato e di un Governo iracheni attraverso vincoli convenzionali; nella realtà si è trattato della formazione di un regime collaborazionista, e di un governo fantoccio, privo di proprie capacità vitali ed esposto all’autodistruzione qualora venisse a mancare la “forza multinazionale” che l’ha plasmato .
Alcuni studiosi di diritto internazionale sostengono che l’adozione all’unanimità delle ultime due risoluzioni e le richieste irachene di permanenza della forza multinazionale sul territorio costituirebbero pregiudizievoli circostanze sananti tutte le illegittimità ed illeicità commesse, ma si dimentica innanzi tutto che le lettere sono state inviate da Allawi, uomo dei servizi segreti statunitensi e britannici, nonché mandante degli attentati anti-Saddam del ’92 e ’95 ,così come rivelato dal New York Times subito dopo la sua nomina a Primo Ministro, elegantemente voluta dagli americani, e quindi che si tratta di richieste provenienti da un Governo non effettivamente rappresentativo;
e poi che il Consiglio di Sicurezza non può emettere risoluzioni ultra vires e non può sanare l’illegittimità di questi atti; esso è un organo dell’Onu, un’organizzazione realmente priva di una personalità giuridica superiore agli Stati membri ed anzi sottoposta, al pari degli Stati stessi, allo jus cogens: per questo le risoluzioni adottate in contrasto con norme cogenti di diritto internazionale, sono nulle e possono assumere soltanto il valore di un accordo informale tra gli Stati ( purché non adottate in modo incostituzionale) .
Cosa potevamo fare invece di appoggiare il disegno anglo-americano?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Sei mesi prima dell‟inizio dei bombardamenti all‟Iraq è arrivato sul tavolo del Quirinale un dossier allarmante; un documento che chiarisce le ragioni della partecipazione italiana alla guerra irachena. Nella premessa si prende atto “dell’esistenza di una elevata possibilità che entro la fine dell’anno venga rovesciato da un’azione militare guidata dagli Usa il regime di Saddam Husein per riportare la democrazia nel paese 1 “e che sia “ probabile che l’abolizione delle sanzioni e la fine dell’embargo vengano seguite dal varo di un grande programma di ricostruzione e ammodernamento dell’Iraq” definito come “ il più grande programma di assistenza e aiuto mai realizzato dopo il piano Marshall”. * Intervento di P. Luciani, successivamente integrato e modificato, al Convegno “Incontro con Sammi Alaà dell’Alleanza patriottica irachena e dei Comitati Iraq Libero. Le cinque giornate di Teramo in difesa della Costituzione” organizzato dal Comitato in difesa della Costituzione di Teramo il 18 Giugno 2005. Sala-convegni Casa del mutilato Teramo; 1 Documento disponibile sul sito internet http://www.uonna.it/nassiriya-01.gif ;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi