Skip to content

Indicators of Development - The Obsolescence of GDP and the Greater Precision of the HDI

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Sandrini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Michele Battisti
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 68

The importance of appropriate indicators of development derives from the utility they have inside a plan of welfare policy of a country. In general, the appropriateness of an economic indicator is related to its capability of reflecting reality into a number: in other words, the less the index alters the aspect of reality it is measuring, the more appropriate it is to reflect it. Converting a quality of something into a statistic is necessarily an arbitrary action because quality is not intrinsically measurable. The arbitrariness is given by the assumptions underlying the choice the operator makes to establish what he wants to measure and, above all, how he wants to do it. In the hypothesis the operator reputes that quality may be better reflected into a composite index, i.e. an indicator constructed by combining a plurality of variables, the problem of the arbitrariness of the choice of the variables is immediately followed by the problem of the choice of the composition of the index.
This kind of problems has affected the Human Development Index (HDI) whose capability of describing such a complex reality as human development has often been questioned. The HDI is a composite index: it is the result of the measurement of longevity, education attainment and «command of resources to enjoy a decent standard of living» (UNDP, 1990, p. 1) considered relevant to the description of a country’s development. In spite of these difficulties, which are not merely theoretical but have concrete importance for the creation of a composite index that might be able to reflect the development of a country, the HDI has been generally welcome by the scientific community because, beyond all its possible imperfections, it is undoubtedly the most successful attempt made to surpass the most widely used indicator of a country’s progress, the Gross Domestic Product (GDP). Even the 1971 Nobel Prize-winner Simon Kuznets, considered the father of GDP, declared in his first report to the Congress that «[e]conomic welfare cannot be adequately measured unless the personal distribution of income is known» and that «[t]he welfare of a nation can, therefore, scarcely be inferred from a measurement of national income» (1934 cited in Cobb, Halstead and Rowe, 1995, p. 67); nevertheless, governments have maintained their attention focused on this index as the measure of development. As a consequence, for decades public policies have been oriented by GDP in the pursuit of economic growth, overlooking the relevance of other parameters of economic and social welfare.
The aim of this work is to analyse the reasons of the importance of changing the main indicator of a country’s progress. The study explains firstly why it is necessary to abandon the use of GDP as indicator of a country’s welfare and consequently as the lighthouse of public policies, and secondly why the HDI constitutes a better alternative, despite its shortcomings. This change implies a revolution of the point of view which leads to the choice of the indicator as the best depiction of progress: to this purpose it is useful to start by comparing the different paradigms which justify the use of one index rather than the other.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduction Intrinsic problems of the choice of appropriate indicators The importance of appropriate indicators of development derives from the utility they have inside a plan of welfare policy of a country. Such utility may be both backward-looking in the process of policy analysis, allowing the comparison of results over time and between different nations or regions, and also forward-looking in the decision-making process. In general, the appropriateness of an economic indicator is related to its capability of reflecting reality into a number: in other words, the less the index alters the aspect of reality it is measuring, the more appropriate it is to reflect it. There is a significant difference between the attempt of calculating a quantitative aspect of reality and the attempt of converting the quality of something into numbers. Indeed, in the first instance the problem is basically reduced to collecting data, while in the second one there are more difficulties: choosing how to measure that specific quality – i.e. the choice of the variable or variables judged relevant to the description of that qualitative aspect of reality –, the composition of the indicator in case it is multidimensional and, of course, the collection of related data. Converting a quality of something into a statistic is necessarily an arbitrary action because quality is not intrinsically measurable. The arbitrariness is given by the assumptions underlying the choice the operator makes to establish what he wants to measure and, above all, how he wants to do it. When the operator is deciding which measurable dimension or dimensions can give the most appropriate information about a certain quality, he or she is choosing at the same time to ignore all the others. In the hypothesis the operator reputes that quality may be better reflected into a composite index, i.e. an indicator constructed by combining a plurality of variables, the problem of the arbitrariness of the choice of the variables is immediately followed by the problem of the choice of the composition of the index. Indeed, he or she faces the question “Do all dimensions I chose have the same importance into this quality?”, which brings to a second one, “Should all variables I chose have the same weight into the indicator?”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amartya sen
joseph stiglitz
economic growth
millennium development goals
limiti del pil
green gdp
microfinance
economic development
gdp - gross domestic product
hdi - human development index
undp - united nations development program
limits of gdp
jean-paul fitoussi
mahbub ul haq
indicators of development
new economic paradigm
gpi - genuine progress index
simon kuznets
capability approach
human development index
development indices

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi