Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scioglimento dei Consigli Comunali per infiltrazioni criminali

Territori che soffocano sotto il peso del controllo criminale, amministrazioni comunali che non scendono a patti, ma semplicemente governano al servizio delle mafie. Al servizio esclusivo, senza cura di rendere conto ai cittadini dell’attività svolta.
La criminalità organizzata ha bisogno di controllare il territorio.
È un bisogno assoluto, non solo per motivi economici, ma soprattutto per motivi di immagine e di prestigio; per rendere visibile a tutta la cittadinanza il proprio potere, garantendosi legittimazione ed alimentando quel potere intimidatorio che costituisce la linfa vitale sulla quale si fonda il sodalizio criminale e lo rende difficilmente scardinabile con gli ordinari strumenti di politica legislativa.
I Comuni rappresentano il primo baluardo di uno Stato, il primo presidio di legalità, primo riferimento, per i cittadini.
Nel caso dei Comuni sciolti, il baluardo è travolto da coperture e correità pubbliche. Correità che garantiscono alle mafie controllo sociale e libertà di manovra. Il cuore pulsante di questa pervasività è tutta nell’evidenza linguistica, formale, con la quale le relazioni si accompagnano ai Decreti di scioglimento.
Il linguaggio dello Stato che si fa parola eloquente e comprensibile.
A scorrere i numeri dei Comuni sciolti per infiltrazioni mafiosa, a distanza di anni dall’entrata in vigore della Legge del 1991, emerge un quadro allarmante di incapacità della politica di amministrare territori e della presenza ossessiva delle mafie nella gestione e nel controllo degli Enti locali.
Sono 190 i Decreti di scioglimento, 153 i Comuni sciolti, 3 Asl e una Asp(Azienda sanitaria Provinciale) per i quali esistono delle relazioni che motivano, spiegano, inquadrano le ragioni degli azzeramenti.
A distanza di anni i protagonisti di ieri sono i protagonisti di oggi.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 CAPITOLO PRIMO CRIMINALITA’ ORGANIZZATA E CONTROLLO DEL TERRITORIO Sommario:1.1Criminalità organizzata e governi locali;1.2Ieri,oggi,domani:la mafia e il controllo del territorio;1.3Lo scioglimento degli organi elettivi per infiltrazioni o condizionamento mafioso:excursus storico- normativo;1.4Il Decreto Legge 31 maggio 1991 n.164 convertito con modificazioni,in Legge 22 luglio 1991 n.221;1.5Il ripristino della legalità;1.6La natura giuridica dell’istituto;1.7La compatibilità costituzionale dell’articolo 15 bis del 1990:la sentenza della Corte Costituzionale del 1993 n.103. 1.1 CRIMINALITA’ ORGANIZZATA E GOVERNI LOCALI La Costituzione della Repubblica Italiana, all’articolo 5, fonda l’articolazione istituzionale dello Stato, da un punto di vista amministrativo e organizzativo, sugli Enti locali. Si può dire, in generale, che l’Italia sia uno Stato-Nazione fortemente caratterizzato dalla preminenza storica dell’istituzione comunale, che in molti casi

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonio Arrotino Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3146 click dal 22/09/2011.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.