Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Palazzeschi e Landolfi: le ragioni di un raffronto.

Aldo Palazzeschi e Tommaso Landolfi a confronto, a partire dai loro romanzi "Sorelle Materassi" e "Le due zittelle": due manifestazioni piuttosto significative della complessità del romanzo italiano del '900. Aldilà dei pur presenti punti di convergenza tra le trame, decisamente rivelatori sono i punti d'attrito tra i due testi. Lo studio si sofferma in particolare sull'esplorazione dei luoghi d'ombra nella psiche dei personaggi, sulla specularità Tombo-Remo, all'insegna della freudiana dicotomia tra principio di piacere e principio di realtà, per poi constatare le risposte peculiari e divergenti dei due Autori.
Possiamo provare infatti ad accostare senza riserve le esperienze di Palazzeschi e Landolfi: entrambi corrono, per quanto ciascuno lo faccia secondo la propria personalissima andatura, lungo i sentieri intricati dell'esperienza surrealista, laddove il Surrealismo in Italia rimase senz'altro un cantiere assai povero di manovali e tenuto alla larga dagli illustri rappresentanti della cultura ufficiale: non esistono, in Italia, opere completamente ascrivibili ad esso, sebbene ne rivelino interessanti sintomi.
Per questo -ma non solo per questo - Palazzeschi e Landolfi si guadagnarono una posizione fuori dall'ordinario panorama artistico-letterario del tempo: le loro opere, specie quelle giovanili di cui si è parlato, dovettero apparire indubbiamente come 'nuove', sin da subito.

Mostra/Nascondi contenuto.
! "!!#$%&$ %!’ ( !!% )!!!% % $!! $*$ !!+,- $ ,-. ,-/ ,-$#$0 !% %$! ! "!!$% !%% !)( %$!% ( % ’!1 ( !’2 3 $( ! ! ’ ( $%% !( !! (

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Teresa Giglio Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1450 click dal 28/09/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.