Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Materiali nano strutturati per schermature elettromagnetiche

Nel primo capitolo di carattere introduttivo, si descrivono le proprietá e le caratterestiche del carbonio e delle sue forme allotropiche; il secondo capitolo introduce il grafene e le sue proprietá principali; il terzo capitolo descrive i vari metodi di sintesi del grafene; il quarto capitolo presenta le tecniche di microscopia per la caratterizzazione del grafene; nel capitolo cinque è riportata una panoramica delle possibili applicazioni del grafene, con particolare attenzione alla schermatura elettromagnetica; il sesto capitolo descrive il lavoro sperimentale da me svolto in laboratorio finalizzato alla fabbricazione di nanoplacchette a base di grafene e di compositi caricati con tali filler. Le proprietá EM dei compositi prodotti sono caratterizzate sperimentalmente mediante misure di permettivitá effettiva e di conducibilitá. Infine il settimo capitolo presenta una sintesi conclusiva del lavoro svolto.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il 29 dicembre 1959 il celebre sico Richard Feynman tenne un discorso, in- titolato There’s Plenty of room at the bottom (C’ e un sacco di spazio gi u in fondo), al Californian Institute of Technology, nell’ambito del convegno annuale dell’American Phisical Society; il suo discorso conteneva una sem- plice idea e cio e la costruzione di macchinari progettati per la costruzione di altri macchinari identici ai primi, ma con un’unica dierenza quella di essere pi u piccoli, questi a loro volta avevano la funzione di costruire altre copie di dimensioni ancora pi u ridotte e cos via no ad ottenere macchinari talmente minuti da poter essere contenuti in un batterio. In seguito Feynman spieg o, numeri alla mano, come fosse possibile trascrivere i 24 volumi dell’Enciclo- pedia Britannica sulla punta di uno spillo. Dunque, manipolare gli atomi per costruire oggetti innitamente piccoli: que- sta intuizione fa di Feynman il precursore delle nanotecnologie. A coniare questo termine fu molti anni dopo, nel 1975, Eric Drexler, il quale den cos la sua scienza: una tecnologia a livello molecolare che ci potr a permettere di porre ogni atomo dove vogliamo che esso stia. Chiamiamo questa capacit a nanotecnologia, perch e funziona sulla scala del nanometro, un milionesimo di metro. VI

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Nicola Mirotta Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 559 click dal 28/09/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.