Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sciopero virtuale, una scelta possibile?

Lo sciopero rappresenta da sempre il mezzo di tutela principale dei lavoratori.
Non è possibile, infatti, comprendere pienamente il diritto del lavoro attuale se non si analizzano le vicende e le prospettive di evoluzione di tale azione di lotta.
In particolare, nel primo capitolo ne ho descritto gli aspetti basilari partendo da una configurazione come delitto fino a giungere alla situazione attuale, in cui lo sciopero viene definito un diritto. Ho inoltre messo in evidenza come l’apparato normativo che lo disciplina sia esiguo poiché l’unica norma a cui possiamo riferirci è l’art.40 della Costituzione. Ciò, quindi, ha richiesto l’intervento della giurisprudenza, chiamata a stabilirne modalità e limiti di esercizio.
Nonostante ciò, l’esempio dell’accordo di Pomigliano in cui la Fiat ha proposto ai lavoratori un regolamento rigido, smentisce quanto sopra detto in quanto l’azienda impedisce ai lavoratori il diritto allo sciopero, tramite la previsione di una clausola di tregua.
Ciò dimostra come quest’ultimo coinvolga interessi contrapposti : da un lato il diritto di scioperare dei lavoratori e dall’altro l’interesse economico dell’impresa.

Mostra/Nascondi contenuto.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Alessia Marano Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1415 click dal 29/09/2011.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.