Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Inflazione importata, distribuzione del reddito ed equilibrio macroeconomico: effetti del nuovo modello contrattuale

Una prima parte legata alla storia d'Italia, ai suoi rapporti con le principali potenze mondiali ed alla crisi attuale si completa attraverso una attenta analisi dei nuovi paesi emergenti (Cina e India).
Successivamente si analizza il modello macroeconomico di riferimento con dettaglio alla concorrenza imperfetta in economia chiusa, alla competitività e all'equilibrio esterno per arrivare, come logica conclusione, ad analizzare cosa accade in un sistema aperto agli scambi internazionali (disoccupazione, etc...). Passaggi successivi ci portano allo studio del nuovo modello contrattuale ed alla sue ripercussioni sull'economia (indicatore IPCA, equazione dinamica) aiutandoci a determinare i risultati legati ad un siffatto accordo.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Il presente lavoro si propone di chiarire, effettuare critiche e previsioni in ambito macroeconomico; la macroeconomia è la scienza che studia i fenomeni aggregati, l’inflazione e la crescita. Le variabili fondamentali di questo studio sono il mercato del lavoro, il livello generale dei prezzi e la produzione, studiate rispetto ai valori di equilibrio (analisi statica), rispetto alla loro evoluzione temporale (analisi dinamica) nonché rispetto alle interrelazioni reciproche (analisi casuale). Scopo della macroeconomia è la costruzione di modelli teorici che siano in grado di spiegare le principali variabili in gioco; tali modelli costituiscono il fondamento essenziale per giungere alla formulazione di suggerimenti di politica economica, miranti ad ottenere obiettivi quali: tassi di crescita accettabili, riduzione dell’instabilità economica, controllo della disoccupazione e dell’inflazione. Ci troviamo in un periodo storico nel quale l’economia è di tipo principalmente capitalistico; ciò vuol dire che l’allocazione delle risorse, attraverso il sistema dei prezzi, viene affidato in larga misura al mercato. Diremo, allora, che esiste un mercato ogni qual volta soggetti desiderosi di scambiare moneta contro determinati beni o servizi vengono a contatto con altri soggetti aventi stessi desideri-obiettivi. Lo studio di argomenti così complessi non può prescindere dall’analisi della storia economica, ossia delle evoluzioni che, nel corso degli anni, hanno contribuito alla formulazione di teorie trasformatesi poi in vere e proprie decisioni di politica economica. Racconteremo innanzitutto le fasi storiche dell’economia mondiale, la situazione italiana fino all’inizio del nuovo millennio, le cause scatenanti della profonda crisi attuale e le vicende dei due colossi asiatici emergenti – la Cina e l’India – (capitolo 1). Fine ultimo è capire meglio il contesto nel quale si innesta lo studio che, nel corso del nostro lavoro, ci porterà ad analizzare dapprima il modello macroeconomico di riferimento (capitolo 2) e poi la riforma del modello contrattuale, con tutte le

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Luigi Mariantoni Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1152 click dal 05/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.