Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia di una produzione tecnologicamente avanzata: il caso della Cospal S.r.l. e dei suoi rapporti con la NASA

Al termine della seconda guerra mondiale, le due superpotenze che uscirono vincitrici, U.S.A. e U.R.S.S., iniziano una lotta per la supremazia non solo terrestre,ma anche spaziale.
Il fine di questa tesi è mostrare come, nel periodo della guerra fredda, la conquista dello spazio da parte dell’uomo diventa un obiettivo basilare, sia per il presidente americano John Fitzgerald Kennedy, che per quello sovietico Nikita Kruscev, non solo per il prestigio e per l’orgoglio, ma anche perché il clamore delle missioni spaziali viene utilizzato dai governi per distrarre l’attenzione pubblica da avvenimenti negativi di politica interna o estera, come la tragica missione statunitense in Vietnam o i danni causati dalle politiche comuniste nell’Unione Sovietica.
Inizierò questo elaborato dalla data storica che segna l’avventura spaziale, il 4 ottobre 1957, quando i russi lanciano in orbita lo Sputnik.
In quegli anni i russi hanno un livello di tecnologia e conoscenze spaziali nettamente superiori agli americani e fanno incetta di primati e successi, fino a quando il presidente Kennedy, stufo dei continui insuccessi da parte della Nasa, decide che dovrà essere un astronauta americano a sbarcare sul suolo lunare e per far questo stanzia ingenti fondi per la missione Apollo.
I sovietici iniziano a pagare il fatto che i finanziamenti per la ricerca spaziale fossero di gran lunga inferiori rispetto a quelli statunitensi, a causa delle politiche economiche comuniste e non riescono più a competere contro il nemico americano.
La missione Apollo 11 riesce a ripagare tutti gli sforzi da parte della NASA quando il 16 luglio 1969 Neil Armstrong poggia per primo il piede sulla Luna.
Dopo aver conquistato la Luna, la ricerca spaziale si pone altri obiettivi come la costruzione dello Space Shuttle, il progetto della Stazione Orbitale (ISS) e la conquista di Marte.
Le antenne che vengono utilizzate dai mezzi spaziali della NASA per comunicare i dati al quartier generale di Houston vengono prodotte da un’azienda bergamasca, avente sede ad Ambivere: la Cospal S.r.l. dei fratelli Rota Martir.
La seconda finalità della mia tesi è dimostrare come, in un modo ormai globalizzato, la qualità di produzione del Made in Italy, può ancora permettere ad aziende che producono prodotti dalla qualità eccellente come Cospal, di primeggiare a livello mondiale senza temere alcun avversario.
Grazie ai numerosi sforzi iniziali, alla ricerca di nuovi materiali e tecnologie in grado di soddisfare il cliente e alla durata di vita superiore ai venticinque anni delle antenne, Cospal Composites ha acquisito il ruolo di leader mondiale nel campo della produzione di antenne con diametro maggiore di cinque metri ed è la fornitrice ufficiale e preferita di JPL NASA.
Inoltre ho voluto dimostrare come le capacità manageriali dei fratelli Rota Martir hanno fatto la differenza non solo in passato, ma la stanno facendo anche nel presente e nel futuro prossimo.
Infatti, utilizzando le conoscenze acquisite per la produzione di antenne, hanno trovato un nuovo segmento di mercato in cui lavorare: la produzione di pannelli compositi d’alluminio.
Questo nuovo business si sta evolvendo rapidamente e potrebbe essere il futuro dell’azienda.
Quindi con eccellente qualità e strategie di successo, le aziende italiane possono vincere il confronto con il mercato globale e Cospal ne è un esempio lampante.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Sin da piccolo sono stato un gran appassionato di missioni spaziali. Ho sempre ammirato tutto quello che riguardava lo spazio,leggendo molti libri,sia di cronaca spaziale che di pura fantascienza. Gli anni della conquista dello spazio hanno sempre sprigionato nei miei confronti un fascino irresistibile. Anche se non ho potuto vedere dal vivo camminare camminare Neil Armstrong sulla Luna,tutte le volte che lo vedo in televisione,devo dire che mi emoziono sempre al pensiero di come l’uomo sia potuto arrivare a compiere quell’impresa. In secondo luogo la storia del mondo degli ultimi 50 anni con personaggi di spicco-John Fitzgerald Kennedy o Nikita Kruscev- é sempre stata un motivo personale di interesse. Il carisma di Kennedy e l’assassinio a Dallas nel 1963 l’ha reso un mito. Quando,grazie a motivi di sponsorizzazione sportiva,sono venuto a conoscenza di una realtà bergamasca che lavora per la Nasa,sono sempre rimasto in contatto con i titolari dell’azienda,e di tanto in tanto mi facevo raccontare i progetti in corso d’opera. E’ un motivo di orgoglio per la provincia di Bergamo sapere che le antenne,grazie alle quali i satelliti trasmettono i dati alla terra,vengono prodotte da un’azienda di Ambivere. La ricerca bibliografica si è rivelata complessa,innanzitutto perché le parole ‘‘uomo nello spazio’’ appaiono con frequenza in pubblicazioni di ogni tipo,sopratutto romanzesche. Soprattutto è stato difficoltoso trovare informazioni dettagliate sulla Nasa.Anche il sito dell’ente governativo,è molto restio nel dare informazioni specifiche. La finalità di questo elaborato è mostrare come,negli anni della guerra fredda,la conquista dello spazio fosse uno dei principali obiettivi delle due superpotenze 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Mattia Mauri Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 330 click dal 04/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.