Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I servizi bibliotecari interculturali. Uno sguardo generale e la situazione dell'Emilia-Romagna

Questa tesi ha come focus il tema della documentazione interculturale: con questa espressione si intende l’insieme delle attività che vanno dai servizi bibliotecari interculturali alla creazione di scaffali multiculturali e plurilingui. Quando si parla di documentazione interculturale, le principali tipologie di soggetti chiamati in causa sono la biblioteca pubblica, il centro interculturale e la scuola: si tratta di luoghi in cui, seppure con modalità differenti, si raccoglie documentazione e si realizzano iniziative a carattere interculturale.
In seguito ad un capitolo di inquadramento generale, che descrive il fenomeno migratorio nell’Italia contemporanea, i modelli di integrazione esistenti e il concetto di educazione interculturale, la tesi entra nel merito del contributo che la lettura e le biblioteche offrono all’integrazione. Vengono illustrati i diversi modelli di scaffale multiculturale e i servizi bibliotecari interculturali nel loro complesso. L’ultima parte della tesi è dedicata all’analisi della situazione della regione Emilia-Romagna in merito ai servizi interculturali offerti dalle biblioteche pubbliche e all’attività di documentazione operata dai centri interculturali.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione. Questa tesi ha come focus il tema della documentazione interculturale, intendendo con questa espressione le attività che vanno dai servizi bibliotecari interculturali alla creazione di scaffali multiculturali e sezioni di libri plurilingui. Quando si parla di documentazione interculturale, vengono chiamati in causa almeno tre differenti soggetti principali: la biblioteca pubblica, il centro interculturale e la scuola/la biblioteca scolastica. Si tratta di luoghi in cui, seppure con modalità e intensità differenti, si opera e si raccoglie documentazione, si offrono servizi e si realizzano iniziative a carattere interculturale 1 . Nel parlare di servizi interculturali bibliotecari si farà quindi riferimento a un insieme plurale e variegato di strutture, dalla biblioteca pubblica di ente locale alle biblioteche scolastiche, da quelle di associazione a quelle dei centri interculturali 2 . La tesi si apre con un capitolo di inquadramento generale, che descrive brevemente il fenomeno migratorio nell‟Italia contemporanea e i modelli di integrazione, con particolare riferimento alla normativa scolastica in merito all‟inserimento degli alunni immigrati. Si parlerà anche del concetto di educazione interculturale e del contributo che la lettura e le biblioteche offrono all‟integrazione. Il secondo capitolo spiega che cos‟è uno scaffale multiculturale, descrive i suoi possibili modelli e contenuti e narra la sua evoluzione dalle origini al giorno d‟oggi. Il terzo capitolo tratta dei servizi bibliotecari interculturali. In questa sede si chiarisce il ruolo della biblioteca nell‟attuale società multietnica, si spiega cos‟è e come si costituisce una sezione plurilingue e si propone una reinterpretazione in chiave interculturale di alcuni servizi bibliotecari tipici, come il reference. Negli ultimi due capitoli, mi sono proposta di utilizzare le conoscenze espresse nei capitoli precedenti per analizzare la situazione della regione Emilia-Romagna. La motivazione che mi ha spinta ad indagare questa realtà non risiede in un interesse di tipo quantitativo e statistico, ma nel desiderio di approfondire la conoscenza di questo fenomeno (i cambiamenti apportati alla realtà bibliotecaria dalle trasformazioni multiculturali) in un contesto a me vicino, la mia regione di residenza. Il capitolo quarto fa riferimento ai servizi interculturali nelle biblioteche pubbliche della regione. L‟ultimo capitolo fa invece riferimento alle biblioteche dei centri interculturali presenti nelle province emiliano-romagnole e all‟attività di documentazione operata da questi ultimi. 1 Luatti L., La risorsa della “documentazione” nei centri e nelle biblioteche interculturali, in Favaro, G. – Luatti, L., Il tempo dell’integrazione. I centri interculturali in Italia, Milano: Franco Angeli, 2008, p. 117. 2 Ibid.

Tesi di Master

Autore: Silvia Arruzzolo Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 564 click dal 04/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.