Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità precontrattuale

La tesi si propone di riassumere i principali punti di discussione attinenti all’istituto della responsabilità precontrattuale, quale categoria di illecito consistente nella violazione dei doveri di buona fede e di rispetto della legittima aspettativa delle controparti contrattuali. Viene analizzato in primo luogo il profilo storico della vicenda riguardante l'obbligo precontrattuale di buona fede, nel proseguo del lavoro, vengono affrontate le problematiche, ampiamente dibattute sia in dottrina che in giurisprudenza, relative alla natura giuridica e le varie ipotesi in cui si manifesta tale responsabilità precontrattuale.Vengono infine affrontati i temi degli obblighi di informazione nella formazione dell’accordo contrattuale e la problematica relativa all’applicazione dell’istituto della responsabilità precontrattuale quando uno dei futuri contraenti sia un soggetto pubblico.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questa tesi si propone di riassumere i principali punti di discussione attinenti all’istituto della responsabilità precontrattuale, quale categoria di illecito consistente nella violazione dei doveri di buona fede e di rispetto della legittima aspettativa delle controparti contrattuali. L’analisi inizia con l’esame del profilo storico della vicenda riguardante l’obbligo precontrattuale di buona fede. Tale excursus storico, che si sofferma soprattutto sulla prima opera dalla quale prese l’avvio la teoria su questo tipo di responsabilità, ovvero il Saggio pubblicato nel 1961 da Rudolf von Jhering il quale, ha concretamente contribuito alla nascita di una concezione moderna della responsabilità precontrattuale, ha consentito di portare alla luce le linee fondamentali della successiva evoluzione della dottrina. Viene successivamente sottolineato, come, alla base dell’iniziale atteggiamento di indifferenza che la dottrina ha mostrato verso l’istituto in esame, vi sia l’assenza nel codice civile 1865 di una norma generale che definisca la culpa in contrahendo.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Teresa Ciciola Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4318 click dal 18/10/2011.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.