Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Schermi multitouch in spazi pubblici: solo pubblicità o anche servizi utili?

La tecnologia multitouch è ancora considerata come qualcosa di nuovo e di ‘hi-tech’ poiché non è ancora commercializzata al pubblico su vasta scala.
Eppure molti grandi display interattivi sono già stati collocati in spazi pubblici. Finora la maggior parte di applicazioni fornite su display ha come scopo principale l’intrattenimento o la pubblicità. Ad esempio, il display multitouch installato all’Hard Rock Cafè permette agli ospiti di trovare gli oggetti di proprietà degli altri Hard Rock Cafè dislocati nel mondo, esplorare le immagini degli interni ed esterni delle loro sedi, etc [Microsoft, 2011]. Il CityWall è un altro esempio di display multitouch installato in una strada pubblica di Helsinki: le persone possono interagire con immagini scaricate da flickR. I magic mirrors (specchi magici) sono quattro schermi installati a Berlino, che mostrano l’immagine speculare delle persone e l’ambiente di fronte a loro, applicando effetti ottici che cambiano in base ai gesti che le persone compiono davanti a questi specchi. I ricercatori e i tesisti dell’IVU Lab di Bari stanno sviluppando applicazioni che cercano anche delle risposte alla domanda riportata sul titolo della tesi: “Schermi multitouch in spazi pubblici: solo
pubblicità o anche servizi utili?”; sono, infatti, orientati allo sviluppo di applicazioni più funzionali in contesti come il patrimonio culturale, il turismo ed eventi pubblici. In altre parole, l’obiettivo di tali applicazioni è di andare oltre il puro divertimento, offrendo agli utenti la possibilità di recuperare informazioni o eseguire operazioni come la definizione del proprio itinerario turistico, prenotando un ristorante o un evento specifico, fornendo giochi a supporto dell’apprendimento di concetti relativi ai beni culturali.
Queste applicazioni sono state valutate preliminarmente con alcuni utenti finali nel nostro laboratorio. L’IVU lab adesso sta pianificando ed eseguendo valutazioni più estese e complete di queste applicazioni sul campo, per comprendere meglio il loro impatto in situazioni reali. La valutazione in laboratorio, infatti, troppo spesso non basta a valutare tutti gli aspetti di un sistema perché, com’è noto dalla letteratura, “c’é un’enorme differenza tra i risultati ottenuti in laboratorio e quelli ottenuti sul campo pur utilizzando la stessa configurazione”. Metodi di valutazione che coprono tutti gli aspetti dei display multitouch ad oggi non sono presenti e per questo l’IVU Lab sta lavorando a un framework per la valutazione degli schermi multitouch che approfondisce le questioni specifiche rilevanti per la valutazione dei display installati in luogo pubblico come lo spazio fisico in cui è collocato, le sue dimensioni e le applicazioni fornite. Tali fattori influenzano direttamente le altre variabili comportamentali e psicologiche: interazione di gruppo o individuale, condivisione dello spazio d’interazione, proprietà dei contenuti mostrati, movimento delle persone vicino al display, etc.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Capitolo 1. Introduzione

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Giuseppe Desolda Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 355 click dal 06/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.