Skip to content

Il bilancio consolidato IAS/IFRS dei gruppi bancari: il caso Barclays Bank PLC

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Donalisio
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Paolo Pietro Biancone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

L’oggetto specifico della trattazione è rappresentato dal bilancio consolidato dei gruppi bancari, finanziari e assicurativi, escludendo quindi le considerazioni proprie dei bilanci dei gruppi industriali, commerciali e di servizi. Il lavoro prende avvio (capitolo 1) dall’analisi del quadro giuridico di riferimento originato dall’introduzione dei principi contabili internazionali nell’ambito europeo, individuando le regole cui devono o possono riferirsi i gruppi quotati e gli altri gruppi che hanno l’obbligo di redazione del bilancio consolidato. Da questo punto di vista, sono messe in evidenza soprattutto le interrelazioni tra le norme derivanti dalle direttive contabili europee, da cui originano le leggi nazionali in materia di bilancio e di bilancio consolidato, e le problematiche indotte dall’utilizzo degli IAS/IFRS. In tale analisi si è tenuto conto anche delle interpretazioni intervenute in materia sia a livello europeo sia a livello nazionale; si è inoltre analizzato un confronto tra gli IAS/IFRS, gli US GAPP e i Principi italiani ed una interpretazione delle norme. Tali norme, sono state oggetto di alcune significative interpretazioni da parte degli organi di vigilanza italiani e da parte dell’Organismo Italiano di Contabilità (OIC); in particolare è stato analizzata la Circolare n° 262 della Banca d’Italia del 22 dicembre 2005 (capitolo 2) che viene applicata esclusivamente agli istituti bancari ed agli enti finanziari5; le disposizioni della circolare disciplinano le modalità di redazione degli schemi del bilancio (Stato Patrimoniale, Conto Economico, Prospetto delle variazioni del patrimonio netto e Rendiconto Finanziario), della Nota Integrativa nonché della relazione sulla gestione.
Nel capitolo 3 si analizza la grande realtà bancaria del gruppo Barclays, mettendo in evidenza tutti i passaggi della banca nella storia fino ad arrivare ad essere quella che oggi si presenta sicuramente come una delle più grandi ed importanti banche e dettagliandone la dislocazione su tutti e 5 i continenti del mondo. Viene così preso in considerazione il bilancio consolidato del gruppo Barclays Bank PLC (capitolo 4) e se ne analizzano i risultati (per l’esercizio 2010) ottenuti dal gruppo, andando ad analizzare sia i risultati suddivisi per business che i risultati suddivisi per area geografica; si analizza poi anche i risultati, la dislocazione territoriale e la storia di Barclays in Italia (capitolo 5). Il presente lavoro si conclude affrontando il tema degli accordi di Basilea (capitolo 6); dopo una breve descrizione degli accordi internazionali di Basilea 16 e Basilea 27, si analizza Basilea 3 come un percorso impegnativo per una riforma ambiziosa emanata dal Comitato di Basilea che ha proposto quest’incisiva riforma del sistema di adeguatezza patrimoniale che, a differenza della pletora di altre proposte, potrà tradursi in una risposta efficace alla crisi finanziaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Con il termine “principi contabili internazionali” si intende un insieme di regole per la redazione dei bilanci valide per ogni impresa, in qualsiasi parte del mondo ed operante in qualsivoglia settore industriale, emessa da un organismo indipendente, a carattere sopranazionale, riconosciuto quale unico autorevole ente preposto alla loro formazione. internazionale. Tale ente è l’International Accounting Standard Board (IASB) ed i principi da esso emanati sono gli International Accounting Standard (IAS) e gli International Financial Reporting Standard (IFRS) 1 . I principi contabili internazionali (IAS/IFRS) sono destinati quindi a diventare la regola unica in tutto il mondo per redigere i bilanci consolidati e d’esercizio. Già oggi tutte le imprese quotate europee, e quindi anche quelle italiane, devono utilizzare gli IFRS per i loro bilanci. Oltre 100 Paesi hanno adottato gli IFRS o hanno avviato programmi a breve scadenza per abbandonare la propria disciplina contabile e passare al nuovo sistema internazionale. Bilanci redatti secondo le medesime regole contabili sono perfettamente comparabili fra loro e ciò consente analisi e confronti accurati da parte degli analisti finanziari, investitori e, in generale da parte di tutti gli stakeholder 2 ; inoltre, consenti di effettuare allocazioni ottimali di capitale fra le varie imprese. Sono queste le premesse che hanno portato, nel 1973, alla fondazione dell’International Accounting Standard Committee (IASC) da parte delle professioni contabili di 10 Paesi 3 con il dichiarato intento di stabilire standard contabili a valenza mondiale. Lo IASC è una Fondazione di diritto privato 4 e i suoi principali compiti sono quelli di assicurare il finanziamento dell’intera organizzazione, stabilire le strategie generali, approvare il rendiconto annuale e nominare i membri di tutti gli altri organi di governo e le relative 1 Entrambi i termini indicano standard contabili; si è però sostituito il termine IAS con IFRS per sottolineare l’obiettivo di disciplinare tutta la informativa finanziaria d’impresa (financial reporting) e non solamente gli aspetti puramente contabili (accounting). 2 Con il termine stakeholder si intendono tutti coloro che hanno un interesse nel bilancio o, più generalmente, nelle imprese. Oltre agli investitori (e, per loro, gli analisti e i consulenti finanziari) si annoverano i creditori, i dipendenti, i finanziatori, le amministrazioni pubbliche. 3 Australia, Canada, Francia, Germania, Giappone, Messico, Olanda, Regno Unito, Irlanda, Usa. 4 Con sede legale in Delaware (USA) e sede operativa a Londra.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi