Skip to content

ID: Interior Density. Teorie e pratiche visive il cui protagonista è il corpo. Forma e contenuto, oggetto-soggetto, identità e differenza.

Informazioni tesi

  Autore: Sara Bonaventura
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'arte
  Relatore: Daniele Goldoni
Coautore: -
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 272

Dalla storia dell'arte alla cultura visuale: racconto di un passaggio, dal moderno al postmoderno, attraverso continuità e fratture. Pratiche visive, teoriche e artistiche, sorte nell'ambito della critica femminista, intorno al concetto di identità come différance, come complessità (con esempi di performance poco o nulla storicizzate, seguiti da interviste). Protagonista del racconto il corpo: lo spazio politico più denso, in quanto metafora e sostanza, oggetto e soggetto, forma e contenuto. Chiasmo di una visual culture, che ingloba la storia dell'arte e del cinema, ma anche la fotografia, la pubblicità, i nuovi media; pemettendo di esaminare la costruzione visiva del sociale e la costruzione sociale della visione. La prospettiva analitica adottata contempla quindi in primis la critica artistica, ma incorporandola nella critica culturale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Modi di vedere 3 . La più antica storia del mondo. «Allora interpretare è interpretare delle interpretazioni, e in questo senso è già un cambiare le cose, "cambiare la vita". » Gilles Deleuze 4 Il rapporto con il mondo, con il sè e l'altro, è strutturato e mediato dai segni. Il nostro pensiero si articola semioticamente, per cui la stessa percezione del nostro corpo, sessuato, non è immediata e diretta, ma influenzata da un reticolo di iscrizioni che ne costituiscono la materialità storica. Il nostro corpo è stato letto e interpretato dagli altri prima che da noi stessi, ciò condiziona non solo il nostro modo di rifletterci, ma anche di sentire. La questione dello sguardo è legata a dei codici sociali. È una questione storica, genealogica. Come la storia, lo sguardo non è mai innocente, bensì culturalmente determinato, socialmente regolato. I codici del gaze sono sottilmente importanti nei rapporti di genere 5 , oltre che in quelli razziali, etnici. Vedere è sentire. Il guardare viene prima del parlare, sapere, del leggere, dello scrivere. «Il vedere viene prima delle parole. Il bambino guarda e riconosce prima di essere in grado di parlare. [...] È il vedere che determina il nostro posto all'interno del mondo che ci circonda; [...] il rapporto tra ciò che vediamo e ciò che sappiamo non è mai definito una volta per tutte. » 6 C'è sempre uno scarto tra le parole e la visione. « Il nostro modo di vedere le cose è influenzato da ciò che sappiamo o crediamo. [...] Vediamo solamente ciò che guardiamo. Guardare è un atto di scelta. [...] Noi non guardiamo mai una cosa 3 Traduzione letterale di Ways of Seeing , programma della BBC, poi trascritto, del critico d'arte e scrittore John Berger. 4 Gilles Deleuze, La risata di Nietzsche . Intervista di Guy Dumur, in Le Nouvel Observateur , 1967, in L'isola deserta e altri scritti. Testi e interviste 1953-1974, Torino, Einaudi, 2007, p. 159. 5 Nell'usare, nella traduzione italiana un po' impropria, il termine genere in riferimento alla differenziazione sessuale, si fa riferimento alla distinzione elaborata dal pensiero femminista anglosassone tra sex e gender . Il primo termine è legato all'appartenenza biologica; il secondo ai modelli culturali storicamente costruiti su tale differenza. I gender studies affrontano la riflessione sulla differenza sessuale, non su un piano naturale, bensì semiotico, come processo culturale. 6 John Berger, Questione di sguardi , Milano, Il Saggiatore, 1998, p. 9-11. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

performance
ironia
desiderio
corpo
nomadismo
grottesco
post-moderno
arte contemporanea
gender studies
artiste donne
visual culture
teorie del genere
post-femminismo
differance
critica culturale
soggetto nomade
crisi del logocentrismo
mara mattuschka
donna huanca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi