Skip to content

Il decreto penale di condanna

Informazioni tesi

  Autore: Mara Di Pietro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi del Sannio
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mario Griffo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

L'elaborato approfondisce le problematiche relative al procedimento per decreto penale di condanna.
L’esame del decreto penale di condanna non può non fare riferimento alle problematiche sottese all’esercizio del diritto di difesa. È evidente che le esigenze di deflazione del dibattimento e di economia processuale non possono assolutamente ritenersi prevalenti rispetto a quello di giustizia sostanziale e di trasparenza nell’amministrazione della giustizia, e tale assunto è facilmente sostenibile attraverso una critica razionale delle sentenze della Corte Costituzionale, secondo cui il rinvio del diritto di difesa alla sola fase dell’opposizione non viola l’articolo 24 della Carta Costituzionale "quando trovi giustificazione nella struttura particolare e si armonizzi con le esigenze che regolano le diverse forme del procedimento".
In altre parole l’opposizione è condizione necessaria ma non già sufficiente affinché il diritto di difesa sia veramente sancito e tutelato nel procedimento monitorio, evidenziando, in particolare, che non è dato intravedere un solo elemento che ci porti a ritenere che il decreto penale di condanna contenga elementi che facciano, anche in maniera minima, riferimento al suddetto diritto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Per impostare l’indagine sui procedimenti speciali, e sul procedimento per decreto penale di condanna in particolare, presenti nel codice di procedura penale del 1988, è necessario fare un chiarimento preliminare: se è vero che il nuovo processo penale nasce all’insegna del dibattimento ( 1 ), è altresì vero che il buon funzionamento di questo nuovo modello dipende dalla frequenza con la quale si fa effettivamente ricorso ai giudizi speciali ( 2 ). I procedimenti in parola determinano una sostanziale abbreviazione della sua durata ( 3 ), impedendo la congestione della macchina giudiziaria per mezzo della definizione anticipata del processo. La rapida conclusione del giudizio penale (obiettivo perseguito con determinazione dal nostro ordinamento, come dimostra la modifica costituzionale dell’art. 111 Cost. e l’introduzione del principio della ragionevole durata, come accade d'altronde in altri Paesi, come gli Stati Uniti d’America 4 ), passa dunque attraverso la percezione dell’importanza dei riti differenziati quali strumenti di semplificazione processuale alternativi al modello procedimentale ordinario. Per qualche aspetto le soluzioni escogitate richiamano alcuni istituti propri dei paesi anglosassoni. Il giudizio abbreviato ricorda, per esempio, la facoltà che nell’ordinamento inglese è 5 1   I lavori preparatori della prima legge delega coniugavano una precisa equazione: il processo è il dibattimento, quasi ad esaltare il significato accusatorio di questo nuovo rito (Selvaggi, Commento al nuovo codice di procedura penale, Torino 1990). 2   In questo senso Paolozzi, I procedimenti speciali, 1989. 3   In proposito si ricordano le parole dell’onorevole Casini in sede di approvazione della legge delega: “Il nuovo processo funzionerà se riusciremo a far pervenire al dibattimento soltanto una piccola parte dei contenziosi” (10 luglio 1984). 4  Il VI Emendamento della Costituzione federale degli Stati Uniti d’America prevede, infatti, il diritto per l’accusato di essere giudicato sollecitamente e pubblicamente da una giuria imparziale dello Stato e del distretto in cui il reato è stato commesso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi