Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Grotta ''La Fabbrica'': aspetti faunistici e culturali

Gli scavi effettuati presso grotta La Fabbrica, situata all’interno del Parco Regionale della Maremma in provincia di Grosseto, hanno messo in luce un’interessante successione stratigrafica che documenta il passaggio dal Paleolitico medio al Paleolitico superiore. Il presente lavoro vuole illustrare le analisi condotte sui reperti litici e faunistici relativi alle ultime ricerche condotte nella grotta, avvenute dal 2007 al 2009. Già i primi scavi, iniziati negli anni 1964-65 e poi andati avanti a più riprese, documentarono una lunga frequentazione umana della grotta: durante le fasi di deposizione del riempimento della cavità, gruppi di cacciatori- raccoglitori del Paleolitico medio e superiore hanno usato la grotta lasciandovi numerosi manufatti litici e reperti faunistici.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 La Grotta la Fabbrica. La grotta la Fabbrica si trova all’interno del Parco Regionale della Maremma, in provincia di Grosseto, nei pressi della località Caprarecce (Foglio 135, IV N.O. della Carta d’Italia dell’I.G.M.; Lat. N. 42°39’14”, Long. W di Monte Mario 1°23’24”). Si apre a circa 7 metri sopra il livello della piana circostante su una falesia di calcare massiccio che costituisce la base del versante occidentale dei monti dell’Uccellina. La grotta ha un’estensione sensibilmente ridotta rispetto a quella originaria, e anche l’ingresso, ora rivolto a sud, non corrisponde a quello originario: il motivo va ricercato nell’arretramento della falesia, dimostrato dalla presenza di stalagmiti e di porzioni di riempimento cementato all’esterno dell’apertura. La cavità si presenta come un grande camerone dal soffitto basso con il pavimento pendente in senso est- ovest, che si affaccia con più aperture sulla pianura. La formazione della grotta è da collegarsi all’ampliamento e alla fusione di varie diaclasi, che hanno creato un collegamento tra un sistema carsico più superficiale e una serie di cavità inferiori situate a livello della piana: tale caratteristica ha influenzato in maniera determinante i processi di riempimento e di erosione cui la grotta è andata in contro, che hanno portato al parziale svuotamento della cavità. Fig.2. Inquadramento geografico della grotta.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Lorenzo Nicolini Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 429 click dal 19/10/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.