Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politica monetaria e ''zero bound'' sul tasso d'interesse nominale

La tesi analizza i problemi di politica monetaria in presenza di bassa inflazione e tassi d'interesse prossimi allo zero.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione I tassi d'interesse nominale sono tassi su titoli negoziabili o su prestiti denominati nell'unità di conto di un'economia, mentre i tassi d'interesse reale si riferiscono ad attività denominate in un paniere di beni e servizi. Irving Fisher 1 è accreditato come il primo studioso ad aver utilizzato i termini money interest e real interest, facendo una distinzione tra interesse nominale ed interesse reale. Nell'analisi originale di Fisher la relazione tra tasso d'interesse nominale (money) e tasso d'interesse reale non era altro che un caso particolare della relazione tra tassi d'interesse denominati in due diversi standard di valore. L'equazione di Fisher 2 appare, per la prima volta, in un esempio dove i due standard sono oro e frumento. Egli si pose la seguente domanda a carattere generale: "Se un debito è negoziato in ognuno dei due standard [oro e frumento] e ci si aspetta che [il valore di] uno di essi muti, relativamente all'altro, il tasso d'interesse sarà lo stesso per entrambi? Quasi certamente no." Infatti, dovrebbe essere rispettata la seguente condizione: 1+j = (1+a) (1+i), dove j ed i sono rispettivamente i tassi d'interesse in termini di frumento e di oro, mentre a è l'apprezzamento atteso (certo) dell'oro in termini di frumento. La portata generale del ragionamento di Fisher è importante perché fornisce il principio per capire perché il money interest non può essere negativo: Fisher sostiene che il tasso d'interesse non può essere negativo in ogni standard che può essere conservato senza perdita. Il motivo è lampante: gli individui sceglierebbero di detenere lo standard stesso, anziché attività denominate in quello standard che renderebbero un interesse negativo. Dato che il denaro può essere conservato con un costo prossimo 1 Fisher, I. (1896) "Appreciation and Interest". Publications of the American Economic Association, volume IX. New York: Macmillan. 2 La definizione di tasso d'interesse reale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Patrizio Paoletti Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2625 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.