Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenza, persuasione e manipolazione di massa: i casi nella pubblicità

"Molti di noi vengono oggi influenzati più di quanto non sospettino e la nostra esistenza quotidiana è sottoposta a continue manipolazioni di cui non ci rendiamo conto". Racchiuse in queste parole di Packard, vi era il pensiero di tutta un'epoca, quella a cavallo degli '50, nella quale quella che si potrebbe definire la pubblicità del profondo e che si proponeva di influenzare il comportamento dei cittadini, veniva usata in molti campi e presentava una grande varietà di tecniche ingegnose. Quello che si è tentato di fare in questo saggio, non è stato il cercare fautori o denigratori di un movimento socio-psicologico che ha contribuito a modificare le abitudini consumistiche e propagandistiche nella società dei primi anni '50, ma rivisitare le stesse con gli occhi di un grande sociologo americano di quel tempo, Talcott Parsons.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione “Molti di noi vengono oggi influenzati più di quanto non sospettino, e la nostra esistenza quotidiana è sottoposta a continue manipolazioni di cui non ci rendiamo conto. Sono all’opera su vasta scala forze che si propongono, e spesso con successi sbalorditivi, di convogliare le nostre abitudini inconsce, le nostre preferenze di consumatori, i nostri meccanismi mentali, ricorrendo a metodi presi a prestito dalla psichiatria e dalle scienze sociali. E’ significativo che tali forze cerchino di agire su di noi a nostra insaputa, sì che i fili che ci fanno muovere sono spesso, in un certo senso, occulti”1. Racchiuse in queste parole di Packard, al tempo insegnante di giornalismo all’Università di New York, vi era il pensiero di tutta un’epoca, quella a cavallo degli anni cinquanta, nella quale soprattutto quella che si potrebbe definire la pubblicità del profondo e che si proponeva di influenzare il comportamento dei cittadini, veniva usata in molti campi e presentava una grande varietà di tecniche ingegnose. Quello che tenteremo di fare in questo saggio, non sarà tanto il cercare fautori o denigratori di un movimento socio-psicologico che ha contribuito a cambiare le abitudini consumistiche e propagandistiche nella società dei primi anni cinquanta, ma rivisitare le stesse sotto gli occhi di un grande sociologo americano di quei tempi, Talcott Parsons. 1 Cfr. V. Packard, I Persuasori Occulti, Einaudi Editore, Torino 1989, p. 5.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze economiche e bancarie di Siena

Autore: Mauro Zentile Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15358 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.