Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sarà ancora possibile lo shopping compulsivo a New York o rimarrà un dolce ricordo per noi europei? Modelli di previsione del cambio euro/dollaro e sterlina/franco svizzero

Questa tesi nasce durante lo stage in Banca Aletti ,Private and Investment Banking del Gruppo Banco Popolare e nello specifico presso l’ufficio di Analisi macroeconomica, dove sono venuta a contatto con argomenti e tecniche di analisi econometriche non contemplate nel piano di studi di Economia della Liuc. Il lavoro si e’ presentato da subito molto impegnativo e talvolta ostico, ma sicuramente sfidante. La scelta dell’applicazione dei modelli e’ caduta sul campo minato del cambio Euro/ Dollaro, che grande dibattito continua a provocare tra gli economisti. La tesi e’ certamente di tipo empirico in quanto i modelli più avanti presentati, sono frutto di elaborazione delle teorie economiche e dei miei molteplici tentativi di estrapolare quelle variabili (macroeconomiche, economiche e finanziarie) significative per determinare la stima del cambio. I modelli da me elaborati presentano delle rilevanti differenze rispetto a quelli utilizzati dagli analisti di Banca Aletti. A completamento del quadro europeo, ho analizzato le variabili piu’ significative nella stima del cross Sterlina/ Franco Svizzero. L’obiettivo sfidante e’ stato quello di creare un modello che fosse il più affidabile possibile, capace di stimare in modo verosimile l’andamento del tasso di cambio, ma ancor piu’ importante, la sua previsione. La domanda da me formulata in modo provocatorio e che da’ il titolo alla mia tesi, non può avere, alla luce dei risultati ottenuti, una risposta univoca. La previsione del futuro e’ sempre un’operazione difficile e la necessità di prevedere è tanto maggiore quanto più incerto e’l’avvenire e quanto piu’ difficile e’ la previsione. Ho voluto costruire tre scenari ugualmente possibili,ma non ugualmente desiderabili. Nel primo scenario ipotizzo che gli Stati Uniti tengano fede al loro impegno di non alzare i tassi fino al 2013 e in Europa un miglioramento dello scenario. Ipotizzato questo, per l’europeo (di classe medio-alta) sara’ ancora possibile approfittare del cambio favorevole per dedicarsi allo shopping (mobiliare, immobiliare e di puro divertimento!). Nel secondo scenario ipotizzo un deciso miglioramento della situazione attuale. In questo caso consiglio alle eleganti signore europee di trascorrere la festa di Halloween a New York, dove il cambio a 1.61 permettera’ loro di folleggiare serenamente! Nel terzo scenario ipotizzo un seguito pessimistico all’ attuale situazione di tensione in Europa e a questo punto, per noi Europei lo shopping oltreoceano non sarà che un dolce ricordo, perche’ il nostro caro euro potrebbe deprezzarsi nel breve fino a 1.20!

Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE L'introduzione dell'euro ha avuto un impatto notevole nel sistema monetario internazionale. L'ampiezza dell'area-euro, l'enfasi sulla stabilità dei prezzi e l'integrazione dei mercati finanziari nazionali hanno contribuito a fare della moneta comunitaria una valuta importante nei rapporti economici mondiali. Infatti, da quando l'euro è diventata la moneta unica per gli Stati aderenti all'Unione Europea, il cambio fra euro e dollaro è stato uno dei tassi di cambio più seguiti al mondo ed è al centro del dibattito politico ed economico internazionale. L‟importanza politica, economica e finanziaria del rapporto di queste due monete di rilevanza mondiale, mi ha portato a voler approfondirne le dinamiche e le variabili che ne influenzano l‟andamento. Ma non avrei mai pensato che avrei potuto io stessa fare una previsione del cambio euro/dollaro! Questo è stato possibile grazie allo stage effettuato in Banca Aletti, Private and Investment Banking del Gruppo Banco Popolare e nello specifico presso l‟ufficio di Analisi macroeconomica dove, a più riprese, sono venuta a contatto con argomenti e tecniche di analisi econometriche non contemplate nel piano di studi di Economia della Liuc. L‟argomento mi ha talmente affascinato che, in accordo con il mio relatore, ho deciso di intraprendere lo studio prima, e l‟attuazione dopo, dei modelli di stima e previsione.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Sharon Scianna Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 289 click dal 13/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.