Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Bambini violati: modelli operativi e strumenti di aiuto del servizio sociale

Maltrattamenti all'infanzia: definizione del maltrattamento,caratteristiche della famiglia maltrattante,conseguenze dei maltrattamenti sui bambini,il ruolo della scuola nei maltrattamenti,il maltrattamento nel mondo il ruolo dell'assistente sociale, le segnalazione al TM, adozione e affidamento.

Ho deciso di affrontare questo tema perché mi è sempre interessato e mi piacerebbe lavorare in quest’ambito. Infatti, facendo delle ricerche sul tema del maltrattamento, spero di avere maggiori risorse a disposizione per affrontare, qualora mi capitassero, casi come questi e non sbagliare, perché non ci si può permettere di fare errori in una situazione tanto delicata.
I bambini vittime di violenza sono oggi al centro dei fatti di cronaca, si trovano molto frequentemente in situazioni a rischio, inquietano l'opinione pubblica, in particolare il fatto che i colpevoli di tale sofferenza siano nella maggior parte coloro che dovrebbero occuparsi della cura del bambino e assicurargli felicità e protezione: i genitori.
Un ruolo importante nei maltrattamenti viene svolto dalla scuola che ha il compito di individuare eventuali segni del bambino e segnalarli all'assistente sociale, ma molto spesso questo non accade, anzi oggi anche le scuole sono teatro di violenza da parte degli insegnanti, e ricade sul servizio sociale questo compito gravoso.
Il ruolo dell’assistente sociale è molto difficile perché deve tutelare il bambino evitando di farsi coinvolgere emotivamente e cercare di capire la situazione effettiva per evitare di creare danni ancora peggiori. Molto spesso il servizio viene criticato, si sente molto spesso parlare di assistente sociale cattiva che porta via i bambini, ma non è così, è una persona e come tale non potrebbe mai fare del male a una famiglia e ai suoi bambini; cerca, per quanto è possibile, di intervenire sulla famiglia per fare in modo che il bambino non venga separato da loro, l'allontanamento dello stesso, avviene solo nei casi in cui tutto è stato fatto e risulta l'unica situazione possibile.
Nel mio elaborato ho cercato di spiegare cos'è il maltrattamento, come si presenta la famiglia maltrattante, quali sono le conseguenze degli abusi sui bambini ma anche come si deve muovere l'assistente sociale di fronte ad un caso di maltrattamento: dal colloquio con la famiglia, alla segnalazione al Tribunale per i minorenni, alla valutazione di recuperabilità della famiglia, al rientro del minore in famiglia, ma anche i casi in cui il minore viene messo in affidamento e adozione, tenendo conto di quella che è la legislazione di riferimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Ho deciso di affrontare questo tema perché mi è sempre interessato e mi piacerebbe lavorare in quest.ambito. Infatti, facendo delle ricerche sul tema del maltrattamento, spero di avere maggiori risorse a disposizione per affrontare, qualora mi capitassero, casi come questi e non sbagliare, perché non ci si può permettere di fare errori in una situazione tanto delicata. I bambini vittime di violenza sono oggi al centro dei fatti di cronaca, si trovano molto frequentemente in situazioni a rischio, inquietano l'opinione pubblica, in particolare il fatto che i colpevoli di tale sofferenza siano nella maggior parte coloro che dovrebbero occuparsi della cura del bambino e assicurargli felicità e protezione: i genitori. Un ruolo importante nei maltrattamenti viene svolto dalla scuola che ha il compito di individuare eventuali segni del bambino e segnalarli all'assistente sociale, ma molto spesso questo non accade, anzi oggi anche le scuole sono teatro di violenza da parte degli insegnanti, e ricade sul servizio sociale questo compito gravoso. Il ruolo dell.assistente sociale è molto difficile perché deve tutelare il bambino evitando di farsi coinvolgere emotivamente e cercare di capire la situazione effettiva per evitare di creare danni ancora peggiori. Molto spesso il servizio viene criticato, si sente molto spesso parlare di assistente sociale cattiva che porta via i bambini, ma non è cosi, è una persona e come tale non potrebbe mai fare del male a una famiglia e ai suoi bambini; cerca, per quanto è possibile, di intervenire sulla famiglia per fare in modo che il bambino non venga separato da loro, l'allontanamento dello stesso, avviene solo nei casi in cui tutto è stato fatto e risulta l'unica situazione possibile. Nel mio elaborato ho cercato di spiegare cos'è il maltrattamento, come si presenta la famiglia maltrattante, quali sono le conseguenze degli abusi sui bambini ma anche come si deve muovere l'assistente sociale di fronte ad un caso di maltrattamento: dal colloquio con

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Ferdani Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5362 click dal 14/10/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.