Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi delle problematiche traduttive nelle sitcom: ''The Mighty Boosh'' e ''The IT Crowd''

Il presente lavoro, che vuole essere un modesto contributo teorico e pratico all'analisi di alcune delle principali problematiche che si pongono durante il processo di traduzione di materiale audiovisivo, verte sulla traduzione in lingua italiana dei sottotitoli di due sitcom britanniche: The Mighty Boosh e The IT Crowd.
The Mighty Boosh è una sitcom creata dall'omonimo gruppo comico inglese facente capo a Julian Barratt e Noel Fielding. Prima di approdare in televisione nel 2004, il Boosh aveva debuttato nel 1998 nell'ambito dell'Edinburgh Festival. Dopo alcune fortunate apparizioni teatrali, la compagnia venne scritturata dalla BBC per un programma radiofonico di sei episodi trasmesso nel 2001 dalle stazioni BBC Radio 4 e BBC Radio 7. Del 2004 è invece il debutto sul piccolo schermo. Ad oggi, The Mighty Boosh è stata trasmessa per tre stagioni televisive, per un totale di ventuno episodi, dalle reti BBC 3 e BBC 2 tra il 2004 e il 2007.
The IT Crowd, scritta da Graham Linehan e trasmessa dall'emittente televisiva Channel 4 a partire dal 2006, conta un totale di tre stagioni di sei episodi ciascuna, mentre una quarta stagione è cominciata da poco (il primo episodio è stato trasmesso il 25 giugno 2010).
Se è vero che le due sitcom hanno tratti in comune, a cominciare dagli attori, tre dei quali recitano in entrambe, è altresì innegabile che esse differiscono sotto svariati aspetti. Infatti, l'intero universo del Boosh è marcatamente surreale, mentre The IT Crowd ruota attorno a situazioni e personaggi più verosimili. Le due serie presentano di conseguenza istanze diverse del celebre "British Sense of Humour” e dunque ben si prestano alla nostra analisi delle problematiche traduttive, specialmente (ma non solo, come vedremo) per quanto riguarda freddure e giochi di parole.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro, che vuole essere un modesto contributo teorico e pratico all'analisi di alcune delle principali problematiche che si pongono durante il processo di traduzione di materiale audiovisivo, verte sulla traduzione in lingua italiana dei sottotitoli di due sitcom britanniche: The Mighty Boosh e The IT Crowd. The Mighty Boosh è una sitcom creata dall'omonimo gruppo comico inglese facente capo a Julian Barratt e Noel Fielding. Prima di approdare in televisione nel 2004, il Boosh aveva debuttato nel 1998 nell'ambito dell'Edinburgh Festival. Dopo alcune fortunate apparizioni teatrali, la compagnia venne scritturata dalla BBC per un programma radiofonico di sei episodi trasmesso nel 2001 dalle stazioni BBC Radio 4 e BBC Radio 7. Del 2004 è invece il debutto sul piccolo schermo. Ad oggi, The Mighty Boosh è stata trasmessa per tre stagioni televisive, per un totale di ventuno episodi, dalle reti BBC 3 e BBC 2 tra il 2004 e il 2007. The IT Crowd , scritta da Graham Linehan e trasmessa dall'emittente televisiva Channel 4 a partire dal 2006, conta un totale di tre stagioni di sei episodi ciascuna, mentre una quarta stagione è cominciata da poco (il primo episodio è stato trasmesso il 25 giugno 2010). Se è vero che le due sitcom hanno tratti in comune, a cominciare dagli attori, tre dei quali recitano in entrambe, è altresì innegabile che esse differiscono sotto svariati aspetti. Infatti, l'intero universo del Boosh è marcatamente surreale, mentre The IT Crowd ruota attorno a situazioni e personaggi più verosimili. Le due serie presentano di conseguenza istanze diverse del celebre "British Sense of Humour” e dunque ben si prestano alla nostra analisi delle problematiche traduttive, specialmente (ma non solo, come vedremo) per quanto riguarda freddure e giochi di parole. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Antonio Fedele Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2259 click dal 12/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.