Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Gestione delle Risorse Umane: Il Caso Chicco.

Lo spunto per questo lavoro nasce dalla consapevolezza che oggi, sempre di più, la competitività delle aziende, in un contesto globalizzato, non possa prescindere dal possesso di risorse rare, uniche ed irripetibili. Nella competizione globale, sempre di più, la differenza la fanno le persone. Molti studiosi hanno rilevato che le differenze di produttività delle imprese con stesse condizioni tecnologiche e di mercato sono legate all'organizzazione delle stesse. Ne discende che una gestione efficace delle Risorse Umane è diventata per le imprese un obiettivo prioritario. Nell'esperienza personale di sindacalista l'azienda Artsana risulta essere un'azienda che da sempre ha coniugato la competitività, lo sviluppo, l'organizzazione ad un'attenta gestione delle risorse umane. L'obiettivo che si pone questo lavoro è cercare di trovare coerenza tra le strategie aziendali, la struttura aziendale e la gestione delle risorse umane. Con questo lavoro, si è cercato di analizzare quali sono le relazioni tra le funzione di gestione delle risorse umane e le funzioni di business da una parte e dall'altra come i responsabili delle line mettono in atto le politiche aziendali per quanto riguarda le risorse umane. Si cercherà di far emergere attraverso quali strumenti l'azienda operi nei confronti dei propri collaboratori al fine di mettere questi in condizione di poter svolgere il proprio lavoro e come questi siano valutati e compensati per realizzare gli obiettivi strategici. In particolare in Artsana, la gestione delle risorse umane ha assunto un ruolo centrale. Accanto allo sviluppo del business si sono sviluppate politiche di gestione delle risorse umane che riguardano la selezione del personale, i percorsi di carriera, la formazione e le politiche di incentivazione. Come vedremo, Artsana ha sempre avuto grande attenzione all'ambiente di lavoro, attuando politiche aziendali finalizzate alla salvaguardia delle condizioni psicofisiche dei propri collaboratori. Grande attenzione è stata riservata ai servizi quali la mensa, il trasporto ed ultimamente l'asilo nido aziendale. Le politiche aziendali nei confronti dei propri collaboratori hanno sempre cercato di trovare soluzioni per la conciliazione tra il lavoro e la vita extra lavorativa, sia attraverso gli orari che attraverso la collocazione in mansioni più idonee. Ancora oggi l'azienda privilegia i rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato, piuttosto che i rapporti di lavoro precari. Certo gli investimenti sulle politiche di gestione delle risorse umane danno un ritorno a medio lungo termine, mentre, gli investimenti tecnologici, piuttosto che l'esternalizzazione di una serie di servizi, danno un risparmio immediato.
L'obiettivo che si pone questo lavoro è quello di mettere in evidenza come le condizioni di lavoro, l'attenzione al personale, la qualità del lavoro costituiscano fattori di sviluppo, di crescita e di competitività delle aziende.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo Primo Le Risorse Umane: cenni storici e definizione Premessa Le aziende hanno acquisito la consapevolezza che, nonostante il progresso tecnologico, l'uomo rappresenti ancora la risorsa fondamentale. La gestione delle risorse umane costituisce un vantaggio competitivo fondamentale, in particolare nell'economia della conoscenza (Rullani, 2004). Quando parliamo di gestione delle risorse umane, facciamo riferimento a tutte quelle politiche aziendali, a quelle prassi che influenzano i comportamenti, gli atteggiamenti e le prestazioni dei collaboratori. La gestione delle risorse umane è finalizzata ad ottenere dal singolo e dal gruppo le migliori prestazioni per il raggiungimento degli obiettivi comuni. Le risorse umane, quindi, hanno un ruolo centrale nelle aziende e costituiscono un vero e proprio capitale. Il lavoratore, nella propria vita lavorativa, è in grado di crescere professionalmente e socialmente, migliorando il proprio modo di lavorare, sia come singolo che come gruppo. E' sempre più diffuso nelle aziende il coinvolgimento dei dipendenti, che può andare dalla 11

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonio Mastroberti Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4723 click dal 14/10/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.