Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impatto degli ungulati selvatici in boschi cedui dell’Alpe di Catenaia e considerazioni generali sul ruolo della fauna in ambiente appenninico

Stime recenti indicano che nel periodo che va dal 1980 ad oggi le popolazioni di ungulati selvatici sono aumentate di valori che variano dal 300 % al 600 %.
Ben si comprende perché anche nel nostro paese, così come a livello europeo, siano sempre più frequenti situazioni con carico di ungulati nettamente superiore a quelle che si riscontrano in condizioni prossime alla naturalità, con riflessi negativi sulla stabilità e la dinamica degli ecosistemi stessi.
In questa sede si riportano i risultati delle ricerche sull’impatto delle popolazioni di capriolo (Capreolus capreolus L.) sulla rinnovazione agamica di cedui di cerro e di castagno, due specie tra le più importanti e diffuse nel nostro paese. La ricerca è stata condotta all’interno dell’Alpe di Catenaia (AR), complesso forestale situato nella porzione più orientale del Casentino, con presenze di ungulati comunemente ritenute non eccessive. Sono state prese in esame sei aree di ricerca permanenti, quattro a dominanza di castagno e due a dominanza di cerro, individuate nel 2002 in tagliate a ceduo, nelle quali erano state installate delle chiudende per poter studiare l’evoluzione del bosco in presenza/assenza di fauna.
I rilievi sono stati eseguiti al termine della stagione invernale 2008 e hanno interessato sia i polloni protetti (P) all’interno delle chiudende che quelli non protetti (NP). In ciascuna area sono stati misurati il diametro e l’altezza di tutti i polloni presenti. I risultati hanno messo in evidenza un impatto differenziato del capriolo sullo sviluppo del ceduo in funzione della specie. Nel caso del castagno l’impatto è risultato trascurabile, con riduzioni di accrescimento conseguenti alla brucatura nelle aree NP pari all’1 % in area basimetrica e al 4 % in volume.
Nel cerro invece l’impatto del capriolo ha inciso fortemente con riduzioni del 58 % in area basimetrica e del 57 % in volume nelle aree NP rispetto a quelle P: I risultati sono in linea con quanto già precedentemente emerso e confermano: a) una azione selettiva del capriolo a danno del cerro; b) che l’entità del danno da brucatura osservato negli anni immediatamente successivi al taglio si ripercuote nel tempo, anche a distanza di sette anni. Sulla base di quanto emerso vengono svolte considerazioni sulla necessità di una gestione integrata delle risorse forestali e faunistiche, che definisca il carico degli ungulati non tanto in funzione della capacità portante teorica degli ecosistemi, ma della salvaguardia della loro funzionalità complessiva e delle limitazioni connesse ai vari stadi di sviluppo dei popolamenti e alle fasi del trattamento applicato.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 I.1 Premessa Il nostro paese, in linea con quanto sta avvenendo in molti paesi europei ed extraeuropei, è interessato da profondi cambiamenti che possiamo definire di natura storica, economica e sociale e che hanno riguardato qualsiasi settore applicativo e scientifico. Le origini di queste realtà sociali ed ambientali risalgono al secondo dopoguerra e sono da ricollegare alle trasformazioni avvenute dopo la fine del conflitto. Una valutazione distinta di tutti quei processi che si sono verificati negli ultimi 60 anni, e della loro ripercussione nella società, non è prevista in questo lavoro nØ risulterebbe semplice dato che i fenomeni interessati sono strettamente connessi tra loro e inoltre competenza anche di altre discipline. Si ritiene però opportuno fare delle osservazioni generali che si prestano a capire, in dettaglio, cosa è avvenuto nel settore forestale – ambito di nostro specifico interesse. I.2 Lo sviluppo economico La spinta motrice del cambiamento è da ricercare nel boom economico avvenuto nel secondo dopoguerra, in conseguenza del quale si è assistito a uno sviluppo demografico senza precedenti negli ultimi decenni (vedi Figura 1 ). Gli effetti di tali nuovi processi operativi sulla società furono profondi e notevoli; la struttura economica del paese ne fu modificata, indirizzandosi sempre piø dal settore primario a quello industriale e commerciale. In conseguenza di ciò l’Italia, da paese fortemente agricolo e rurale, diventò in poco tempo una realtà industriale (vedi Tabella 1).

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Agraria

Autore: Francesco Chianucci Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 440 click dal 17/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.