Skip to content

La responsabilità internazionale degli stati per atti di genocidio

Informazioni tesi

  Autore: Marco Piero Cusimano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Marco Pedrazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

Il presente lavoro è stato realizzato per analizzare la responsabilità internazionale dello Stato per atti di genocidio. Il percorso tracciato in questa tesi di laurea parte dalla definizione della nozione e dalla Convenzione per la Prevenzione e la Repressione del Crimine di Genocidio, passando per l’istituzione del Tribunale Penale Internazionale per l’ex Jugoslavia e per quella del Tribunale Penale Internazionale per il Ruanda, con la sua prima sentenza per genocidio cinquant’anni dopo l’adozione della Convenzione del 1948, per arrivare alla sentenza relativa al caso Bosnia-Erzegovina c. Repubblica federale jugoslava della Corte Internazionale di Giustizia, con la quale si è per la prima volta ventilata la possibilità di condannare uno Stato per atti di genocidio.
Il primo capitolo si apre con la definizione del termine genocidio data nel saggio “Axis Rule in Occupied Europe”, del 1944, del professor Raphaël Lemkin, frutto dell’analisi dei primi eventi classificabili come genocidio nella storia, ma soprattutto delle atrocità commesse dal regime nazista.
Il capitolo successivo è incentrato sulla Convenzione del 1948.
Il terzo capitolo è dedicato all’istituzione dei tribunali ad hoc competenti a giudicare gli autori del crimine di genocidio.
Il quarto capitolo entra nel merito della responsabilità dello Stato per atti di genocidio grazie allo studio del ruolo della Corte Internazionale di Giustizia e, soprattutto, della sentenza relativa al caso Bosnia-Erzegovina c. Repubblica federale jugoslava, ovvero della prima sentenza che ha confermato che anche gli Stati, e non solo gli individui, possono essere accusati e condannati per aver perpetrato il crimine di genocidio.
Infine, la parte conclusiva di questo lavoro è indirizzata all’accertamento della responsabilità internazionale dello Stato in base al dritto internazionale e alle decisioni prese dalla Corte Internazionale di Giustizia nella più volte menzionata sentenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 1. LE ORIGINI DELLA NOZIONE E LE RISOLUZIONI SUL CRIMINE DI GENOCIDIO 1.1. La nozione e i primi casi di genocidio nella storia Nel saggio “Axis Rule in Occupied Europe”, del 1944, Raphaël Lemkin introdusse il termine “genocidio”, formato dall‟unione della parola greca genos, ossia razza o etnia, e dell‟espressione latina cide, derivante dal verbo caedere, che significa uccidere. Questo nuovo termine indica il piano coordinato e diretto alla distruzione dei pilastri essenziali della vita di un gruppo nazionale, con il fine ultimo di annientarlo. Il genocidio, per l‟autore, è composto da due fasi: la prima consiste nella distruzione del modello comportamentale e dei valori nazionali del popolo oppresso, mentre la seconda è volta all‟imposizione del proprio schema socio- culturale da parte dell‟oppressore. Questo disegno mira alla disintegrazione delle istituzioni politiche, sociali e culturali, nonché economiche e confessionali del gruppo nazionale perseguitato, portando finanche all‟eliminazione fisica degli individui che appartengono a tale gruppo 1 . Lemkin accennò anche al concetto di “depersonalizzazione della vittima”, per prendere in prestito un‟espressione in seguito coniata dalla penalista francese Mireille Delmas-Marty 2 , poiché evidenziò come il genocidio fosse diretto contro i membri di un gruppo nazionale in quanto tali e non a causa delle loro qualità individuali. Basandosi sull‟esperienza delle atrocità compiute dalla Germania nazista nei territori occupati, il giurista polacco classificò quelle che considera le diverse forme di genocidio, prendendo in considerazione: - il genocidio politico, perpetrato sostituendo le istituzioni del territorio occupato con quelle dell‟occupante; 1 R. LEMKIN, Axis Rule in Occupied Europe: Laws of Occupation - Analysis of Government - Proposals for Redress, Washington, 1944, p. 80. 2 A. CASSESE, Lineamenti di diritto internazionale penale, Vol.(I) Diritto sostanziale, Bologna, 2005, p. 168.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nazioni unite
corte internazionale di giustizia
bosnia
ex-jugoslavia
tribunale internazionale
genocidio
ruanda
lemkin
risoluzione 96
risoluzione 260
tribunali speciali
elemento soggettivo
aja
srebrenica
elemento oggettivo
belgrado
mladic
tribunale militare internazionale
il caso bosnia-erzegovina c. repubblica federale j
axis rule in occupied europe
convenzione per la prevenzione e la repressione de
ejusdem generis
26 febbraio 2007
vrs

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi