Skip to content

Rivelatori di diamante artificiale operanti ad alta temperatura per la diagnostica neutronica di plasmi termonucleari

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Fonnesu
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria energetica e nucleare
  Relatore: AA AA
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) è un reattore sperimentale a fusione termonucleare a confinamento magnetico, basato sulla reazione deuterio-trizio, ed è il progetto che rappresenta il passaggio fra gli studi eseguiti fino a oggi sugli aspetti fisici e tecnologici della fusione e la realizzazione del primo reattore dimostrativo in grado di generare energia elettrica da fusione.
Fra i sistemi necessari per il monitoraggio e per il controllo del reattore riveste un ruolo importante la “neutron camera”, un sistema per la diagnostica del plasma basato sulla rivelazione dei neutroni veloci prodotti dalle reazioni di fusione, necessario per la ricostruzione spaziale e temporale della emissività neutronica del plasma, da cui si può determinare la distribuzione spaziale e temporale della densità di potenza di fusione nel reattore.
Le severe condizioni ambientali in cui tale sistema dovrà operare (intensi campi elettro-magnetici, alti flussi di radiazione gamma e neutronica, alta temperatura) limitano la scelta del tipo di rivelatori di neutroni utilizzabili, i quali devono avere buone qualità spettroscopiche per discriminare i neutroni in base all’energia, una bassa sensibilità ai raggi gamma, la capacità di discriminare il segnale derivante dalla rivelazione neutronica rispetto al fondo gamma, una efficienza di rivelazione neutronica adeguata per una buona statistica di conteggio e la capacità di sostenere dei ratei di conteggio elevati.
Le condizioni dell’ambiente in cui verranno sistemati tali rivelatori impongono inoltre che essi abbiano una scarsa sensibilità agli intensi campi magnetici, una notevole resistenza al danno da radiazione e che possano operare a temperature relativamente elevate (tra 100 e 120 °C).
La selezione dei rivelatori destinati alla neutron camera è in corso da molti anni, e tra i vari rivelatori proposti il diamante sembra tra i più promettenti.
Lo scopo del presente lavoro di tesi è quello di studiare le proprietà spettroscopiche dei rivelatori al diamante CVD in condizioni di alta temperatura sotto irraggiamento di particelle alfa e di neutroni veloci.
La caratterizzazione preliminare dei rivelatori monocristallini a diamante artificiale ad alta temperatura di funzionamento sotto irraggiamento di particelle alfa e di neutroni da 14 MeV costituisce la parte sperimentale ed originale del presente lavoro di tesi. In particolare le misure di spettrometria neutronica (ad alta temperatura) rappresentano una assoluta novità nel campo delle misure di neutroni.
Nel primo capitolo verranno descritte le caratteristiche peculiari del progetto ITER con particolare riferimento alla neutron camera.
Nel secondo capitolo verranno richiamate le proprietà fisiche del diamante, la sua struttura cristallina e i principali aspetti connessi con il trasporto dei portatori di carica elettrica nel cristallo. Nello stesso capitolo verranno poi descritti gli aspetti che modificano le proprietà di trasporto di carica del cristallo di diamante “perfetto”, utili per comprendere il comportamento reale del rivelatore, quali i difetti del reticolo cristallino, la giunzione con gli elettrodi metallici e gli stati di superficie del cristallo.
Il terzo capitolo è dedicato ai principali metodi di sintesi dei diamanti, in particolare la deposizione chimica da fase vapore assistita da plasma (MW-PECVD) che consente di ottenere diamanti di qualità sufficientemente elevata per la rivelazione di particelle.
Dopo aver parlato dei metodi per la produzione di quello che costituisce il “mezzo sensibile” del rivelatore, verranno illustrate le reazioni alla base della rivelazione neutronica nel diamante e le due configurazioni base dei dispositivi al diamante CVD, tra cui quella utilizzata per le misure che fanno parte del presente lavoro di tesi.
Nel quarto capitolo verranno riportati i principali risultati dello studio delle proprietà spettroscopiche dei film di diamante CVD sottoposti a irraggiamento con particelle alfa, al crescere della temperatura di funzionamento, con particolare attenzione alla variazione delle proprietà del trasporto delle cariche elettriche che si traducono in una variazione della efficienza di raccolta della carica, della risoluzione spettrale e della stabilità della risposta. La conoscenza di tali caratteristiche è fondamentale per poter valutare eventuali applicazioni ad alta temperatura dei rivelatori al diamante CVD.
Un ulteriore passo avanti nella valutazione delle proprietà spettroscopiche dei rivelatori al diamante CVD in relazione ad un loro eventuale impiego per la diagnostica del plasma in ITER, dopo la caratterizzazione ad alta temperatura mediante particelle alfa, è stato quello di studiare le loro prestazioni ad alta temperatura sotto irraggiamento di neutroni veloci (14 MeV).
A tal proposito, l’ultimo capitolo è dedicato alle misure di spettrometria neutronica ad alta temperatura realizzate mediante il generatore di neutroni FNG presso il CR ENEA di Frascati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) è un reattore sperimentale a fusione termonucleare a confinamento magnetico, basato sulla reazione deuterio-trizio, ed è il progetto che rappresenta il passaggio fra gli studi eseguiti fino a oggi sugli aspetti fisici e tecnologici della fusione e la realizzazione del primo reattore dimostrativo in grado di generare energia elettrica da fusione (DEMO). E’ stato progettato nell’ambito di una collaborazione internazionale da Europa, Stati Uniti, Giappone e Russia, a cui più recentemente hanno aderito anche Cina, India e Corea. Il sito scelto per la sua costruzione è Cadarache, nel sud della Francia. Fra i sistemi necessari per il monitoraggio e per il controllo del reattore riveste un ruolo importante la “neutron camera”, un sistema per la diagnostica del plasma basato sulla rivelazione dei neutroni veloci prodotti dalle reazioni di fusione, necessario per la ricostruzione spaziale e temporale della emissività neutronica del plasma, da cui si può determinare la distribuzione spaziale e temporale della densità di potenza di fusione nel reattore. Le severe condizioni ambientali in cui tale sistema dovrà operare (intensi campi elettro- magnetici, alti flussi di radiazione gamma e neutronica, alta temperatura) limitano la scelta del tipo di rivelatori di neutroni utilizzabili, i quali devono avere buone qualità spettroscopiche per discriminare i neutroni in base all’energia, una bassa sensibilità ai raggi gamma, la capacità di discriminare il segnale derivante dalla rivelazione neutronica rispetto al fondo gamma, una efficienza di rivelazione neutronica adeguata per una buona statistica di conteggio e la capacità di sostenere dei ratei di conteggio elevati. Le condizioni dell’ambiente in cui verranno sistemati tali rivelatori impongono inoltre che essi abbiano una scarsa sensibilità agli intensi campi magnetici, una notevole resistenza al danno da radiazione e che possano operare a temperature relativamente elevate (tra 100 e 120 °C). La selezione dei rivelatori destinati alla neutron camera è in corso da molti anni, e tra i vari rivelatori proposti il diamante sembra tra i più promettenti. Infatti, le sue caratteristiche peculiari, quali l’ampia banda proibita (5.5 eV) che permette di avere correnti di buio molto basse e la possibilità di impiego a temperature relativamente alte, l’elevato valore dell’energia di legame (7.37 eV) che minimizza il danno da radiazione e comporta un punto di fusione elevato (4100 °C), oltre ad una estrema resistenza meccanica e una bassa reattività chimica, lo indicano come materiale di grande interesse per la realizzazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diamanti artificiali cvd
rivelatori di diamante artificiale
rivelatori di neutroni veloci
diagnostica neutronica di plasmi termonucleari
spettrometria neutronica ad alta temperatura
iter neutron camera
diamond neutron detectors
plasma diagnostics
fast neutron spectrometer
rivelazione neutroni reazione deuterio-trizio
diagnostica di plasmi termonucleari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi