Skip to content

Il lato ''B'' della pubblicità. Humour, ironia e understatement come alternative per la persuasione.

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Russo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università per stranieri di Perugia
  Facoltà: Lingua e Cultura Italiana
  Corso: Comunicazione Pubblicitaria e Design Strategico
  Relatore: Antonio Catolfi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

[…] Nel corso di questa mia analisi […] entreranno in gioco diversi termini come ironia, understatement e humour per l'appunto, termini di cui cercherò di dare le corrette definizioni ricorrendo anche alle dovute differenziazioni, facendo riferimento alla letteratura sull'argomento. Vedremo come nonostante certuni pensino che ironia e humour possano essere considerati sinonimi per indicare uno stesso stato delle cose, in realtà sono solo termini "imparentati" (primo capitolo).
Nel secondo capitolo entreremo nel vivo dell'argomentazione distinguendo i vari tipi di humour che sono stati individuati dagli studiosi del settore e per ognuno si tenterà di capirne la messa in atto. Vedremo come l'uso dello humour sembri scaturire da una dicotomia che è sì condizione necessaria, ma tuttavia non sufficiente affinché l'attenzione dello spettatore sia convogliata sul prodotto (o come dicevamo, su di una più positiva visione della marca/azienda). La condizione per cui tutto questo si realizzerà sarà la risoluzione di tale dicotomia grazie ad un processo interno allo spettatore stesso, poiché incaricato dallo spot di risolvere questa contraddizione: proprio in questa risoluzione sembra infatti risiedere la manifestazione dello humour. Un breve accenno verrà qui fatto anche ai rischi che si corrono con l'uso dello humour in pubblicità. Alla fine del capitolo si metteranno in evidenza le differenze della pubblicità italiana rispetto a quella straniera per quanto riguarda l'uso dell'ironia. Al fine di comprendere quali obiettivi comunicativi sono più probabilmente raggiungibili attraverso l'uso dell'ironia e dell’understatement (che altro non è poi che una "pacata" forma d'ironia), si farà una breve considerazione sulla capacità dello humour di suscitare un'emozione, classificando eventualmente le differenti situazioni emozionali che ne possono scaturire: riso, pena, stupore, tristezza, ecc.. Ovvero si tenterà di capire come un determinato stimolo sia capace di suscitare una specifica risposta nell'interlocutore, un'emozione. (terzo capitolo). Nel quarto capitolo verranno presentati due casi di strategia creativa che utilizzano understatement e humour: Volkswagen per l’understatement (ad opera di quel genio creativo che rivoluzionò la storia della comunicazione, nonché dell'impianto del reparto creativo in agenzia poiché fu il primo a mettere insieme un copy e un art nella stessa scrivania che fu William Bernbach, detto Bill), Diesel di Renzo Rosso per lo humour. Infine nel quinto capitolo proporrò una brave riflessione sull'uso di ironia e humour nella pubblicità sociale, presentando, per concludere, uno storyboard di mia creazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Una volta usavo dire che le persone che mi piace- vano erano quelle intelligenti e con il senso dell‟umorismo. Poi ci ho ripensato e ora dico che mi basta abbiano il senso dell‟umorismo. Perché, in fondo, cos‟è il sense of humour se non intelligenza, cioè la capacità di distinguere fra ciò “che è” e ciò che “dovrebbe essere”, saper coglie- re l‟incongruità di un comportamento in un certo contesto, stupefarsi per le esagerazioni, le incapa- cità, le inadeguatezze? Qui si farà più riferimento all‟umorismo anglosas- sone dell‟ironia, dell‟understatement e dell‟assurdo, più difficile, ma che dà più soddisfa- zioni. Per persone intelligenti. Franco Nervo, scrittore 1 . “Il lato “B” della pubblicità” è un titolo che viene scelto per parlare di un ar- gomento fortemente dibattuto negli ultimi decenni da studiosi di pubblicità e 1 http://www.bluestyle.org/umorismo.htm

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblicità
comunicazione
linguaggio
spot
umorismo
creatività
comprensione
ironia
persuasione
retorica
volkswagen
copywriting
emozione
lettore modello
messaggio pubblicitario
figure retoriche
humor
understatement
diesel jeans
tipi di humour
bill bernbach
rivoluzione creativa
autore modello
tono di voce

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi