Skip to content

Elementi illuministici nel Barone Rampante di Italo Calvino

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Bergesio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Giuseppe Leonelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

"Un ragazzo sale su di un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, decide che non scenderà più". In questa frase c'è forse tutta l'essenza del romanzo di Calvino, ma quello che ancora non era stato notato è che l'opera dello scrittore è permeata di elementi illuministici francesi.
A questo punto però alcune cose potrebbero suonare strane: che Calvino, comunista, possa abbracciare un’ideologia storicamente "borghese", quale l’illuminismo, appare se non improbabile, quanto mai imbarazzante. Inoltre le democrazie borghesi si ritenevano direttamente responsabili dei regimi fascisti, e Calvino fu fiero partigiano. Tuttavia Calvino scrive "Il Barone Rampante" in una data chiave: il 1957, anno delle dimissioni dal partito comunista dopo i fatti di Ungheria e di conseguenza abbandono della scena politica come attività militante.
Vedremo quindi come nel Barone Rampante l’autore prenda soprattutto come modelli tre scrittori, tre filosofi francesi sopra tutti gli altri: Voltaire, Diderot e Rousseau. Muovendomi da questa particolare lettura del romanzo, cercherò di tracciare un profilo di Italo Calvino ancora poco conosciuto, caratterizzato da un atteggiamento velato di pessimismo razionale, un pò disilluso, ma ancora prode partigiano, questa volta però della cultura, che si volterà a guardare con simpatia a l’America anticomunista.
Un gusto dell’autore per gli atteggiamenti morali, per la prova umana, per lo stile di vita, e tutto questo tenendosi in bilico su sostegni fragili come rami circondati dal vuoto.
Un’inedita figura di Calvino che nasce insieme al suo Barone rampante, un Calvino, appunto, neoilluminista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE “Un ragazzo sale su un’ albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, decide che non scenderà più.” 1 Questa frase non è l’incipit del Barone rampante di Italo Calvino, ma è l’inizio della prefazione scritta dallo stesso autore nel 1957, celatosi dietro il nome anagrammato di Tonio Cavilla. La prima frase del romanzo invece, che come vedremo alla fine della mia tesi avrà un significato determinante, recita: “Fu il 15 di giugno del 1767 che Cosimo piovasco di Rondò, mio fratello sedette per l’ultima volta in mezzo a noi.” 2 In queste due citazioni è racchiusa tutta l’idea del Barone rampante. Questa semplice sintesi dell’opera, ho l’ardire di credere, sarebbe piaciuta a Calvino, che ammetteva sotto le spoglie di Tonio Cavilla : “l’autore ci dice molte cose come fossero tutte essenziali, ma alla fine di essenziale resta solo l’immagine che egli ci ha proposto : l’uomo che vive sugli alberi” 3 . Considerava il suo romanzo come uno di “quei libri scritti per gioco, che sono tradizionalmente destinati allo scaffale dei ragazzi” 4 , da mettere accanto alle altre novelle di Calvino pubblicate in questo periodo. Una favola. Egli era in quel tempo stanco dei tentativi di scrivere romanzi sulla linea “realistico-social- picaresca” 5 , o come è stata anche definita, della sua fase neorealista, caratterizzata dal romanzo d’esordio Lungo i sentieri di nidi di ragno. Calvino si abbandona “ alla sua vena più spontanea d’affabulatore” 6 : ne esce nel 1960 la trilogia degli antenati in un volume unico dove il Cavaliere inesistente, uscito nel 59, è presentato come il primo della serie e il Barone rampante del 57, è diventato l’ultimo. Inoltre, insieme ai romanzi e alle favole, Calvino fu 1 In: Barone rampante,Calvino,Verona, Oscar Mondadri,1993 2 Ibidem 3 Ibidem 4 Ibidem 5 In: Italo Calvino, Elisabetta Mondello, Pordenone, Edizioni Studio Tesi, 1990 6 Ibidem

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italo calvino
illuminismo
rousseau
voltaire
diderot
neoilluminismo
barone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi