Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rigenerazione urbana di Paesaggi industriali: il caso di Sant Adrià del Besòs

I principi progettuali, individuati dall’elaborato prodotto, mettono in luce alcuni apporti scarsamente esplorati dal disegno urbano nella redazione di piani strategici mirati a conseguire vantaggi competitivi in varie operazioni di rigenerazione urbana.
Ciutat Jove (città giovane) prende spunto dalle linee strategiche viste e analizzate nei casi studio di Birmingham e Barcellona, per disegnare un progetto di rigenerazione urbana per il municipio di Sant Adrià de Besòs, un municipio di soli 3,8 km² che si trova incastonato nella grande area metropolitana di Barcellona.
La strategia di Ciutat Jove è principalmente quella di “porre la città” di Sant adrià sulle mappe, attraverso interventi di impatto mediatico, nei quali il formalismo architettonico si sposa con l’ostentazione delle potenzialità del municipio, per il conseguimento del successo economico. Il progetto complessivo degli interventi viene cioè condotto in modo flessibile per punti o per cluster tra loro connessi in funzione delle necessità e possibilità dei diversi obbiettivi di sviluppo. Cosi nella definizione progettuale a carattere strategico rientrano anche considerazioni imprescindibili rispetto ai tempi, alle priorità e alle responsabilità di attuazione.
In un contesto metropolitano come quello barcellonese, dove i limiti fisici e amministrativi tra municipi, sono stati pressoché cancellati dalla grande espansione urbana, quello che permette distinguere una realtà urbana rispetto ad un'altra, è una connotazione prettamente astratta, legata al concetto medievale del limite della città riconducibile alla sua cinta muraria. Oggi sono altri i fattori che marcano queste differenze territoriali: attrattività, tradizioni, cultura e identità (spesso riconducibili a particolari landmark urbani), permettono la distinzione immediata di una municipalità rispetto ad un'altra. È proprio sul concetto di attrattività che Ciutat Jove trova il suo punto di partenza:
• attrattività come luogo dell’abitare, attraverso la qualità e l’accessibilità dei servizi, della vita sociale e culturale dell’ambiente naturale;
• attrattività come sede di attività economiche, attraverso la qualità della forza lavoro, dei servizi all’impresa, delle infrastrutture e della posizione rispetto ai principali centri di mercato internazionale;
• attrattività nei confronti di visitatori e turisti, attraverso il numero e la qualità degli elementi turistici primari (musei, monumenti, eventi,ecc.) e secondari (alberghi, aree commerciali,centri congressi,ecc.).
In questo contesto anche le strategie di valorizzazione turistica, considerate a diverse scale di riferimento, costituiscono un modello per l’approccio progettuale in chiave di marketing. Infatti, i piani strategici e le opere di riconversione e rigenerazione urbanistica elaborati con l’obbiettivo principale di attrarre, consolidare o incrementare finanziamenti e posti di lavoro, agiscono con una prospettiva e una metodologia analoghe a quelle con cui la pianificazione e la progettazione in chiave turistica intendono attrarre, consolidare o incrementare il numero di visitatori.
Ciutat Jove seguendo la dualità progettuale dei casi studio citati (entrambi questi casi hanno agito su due distinti livelli di intervento: uno fatto di interventi progettuali di insieme, riferiti ad una macro area e supportati da politiche di piano generali; l’altro composto di interventi diretti ad una micro area, rappresentata da dei quartieri o da aree di nuova centralità), opera anch’esso su due livelli di intervento. Uno fa riferimento all’intera area municipale, dove risiedono le linee guida strategiche del piano di azione, l’altro concerne quegli interventi progettuali che fanno riferimento ad una entità territoriale più ridotta, riconducibile quindi al quartiere, che nello specifico caso di Sant Adrià, ricopre anche il ruolo di area di nuova centralità.
Gli interventi puntali che si realizzeranno nei vari quartieri, contribuiranno al miglioramento degli stessi e all’accrescimento dell’importanza che queste aree svolgono all’interno della città, le quali, a loro volta parteciperanno al miglioramento generale del municipio intero.

Da queste considerazioni, basate a livello teorico sui casi studio precedentemente analizzati, e utilizzate poi per sviluppare un progetto d’intervento su Sant Adrià , si può riassumere che:

Ciutat Jove non è solo una città per le nuove generazioni, ma anche un progetto capace di adattare la città alle nuove generazioni e alle loro necessità, di ricreare quel tipo di “vita urbana” che da molto tempo si è perduto e soprattutto di dare una nuova immagine alla città.

Mostra/Nascondi contenuto.
null null null nullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnull null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null null nullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnull nullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnull nullnull nullnull null

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Pianificazione del Territorio

Autore: Filippo Magni Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2209 click dal 28/10/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.