Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fondamento e i limiti del potere del datore di lavoro in materia di abbigliamento dei lavoratori

Tesi sul potere del datore di lavoro di incidere sull'abbigliamento del dipendente. Casi in cui questo abbigliamento è imposto dalle norme di sicurezza e casi dove si va a toccare la sfera privata del lavoratore. Si analizzano alcune sentenze al riguardo e prospettive per tentare di regolare la materia nei CCNL

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Nell‟ultimo trentennio numerosi principi di diritto del lavoro sono radicalmente mutati. Per quel che riguarda la tipologia contrattuale, il contratto di lavoro subordinato si è dovuto confrontare in un primo tempo con le diverse articolazioni del tempo di lavoro, e in seguito con nuovi schemi contrattuali. Questi mutamento si inseriscono in una dinamica di superamento del sistema produttivo taylorista e fordista, così come in un mutamento del modello di organizzazione del lavoro. In senso ancora più ampio, si è arrivati a comprendere come un rapporto di lavoro non coinvolge solo la sfera economica, ma anche quella della personalità dell‟individuo: il lavoro, come è stato osservato, «non è più solamente coinvolto in un contratto che subisce, ma è destinato a plasmare il rapporto che ne deriva in modo sempre più consistente» 1 . Uno dei campi in cui l‟evoluzione del mondo del lavoro ha subito un mutamento più rilevante è quello dell‟abbigliamento del lavoratore. Questo lavoro si propone, per l‟appunto, di delineare l‟evoluzione dottrinale e giurisprudenza in materia di aspetto e abbigliamento del prestatore di lavoro. Il primo capitolo è dedicato all‟analisi della nozione di potere datoriale e di personalità del lavoratore con riferimento all‟abbigliamento. I limiti generali al potere datoriale sono sanciti, oltre che dalle singole piattaforme contrattuali, dall‟art. 2087 c.c., sulla tutela della personalità morale. Secondo quanto è previsto da tale articolo, l‟imprenditore è tenuto ad adottare nell‟esercizio dell‟impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l‟esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l‟integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. Operano inoltre diritti costituzionali che coinvolgono il 1 M. Ranieri, L’abbigliamento nei luoghi di lavoro: dalla tuta blu al velo usa e getta, working paper, 2010, p. 4.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valerio Tocci Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 706 click dal 26/10/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.