Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Adolescenti immigrati: una ricerca sull'interazione nella classe di Italiano L2

Tenendo presente queste peculiarità all’interno del quadro generale dell’immigrazione in Italia, il nostro elaborato si pone come obiettivo l’analisi di alcune problematiche legate a una specifica fascia di età degli immigrati del nostro paese: l’adolescenza. Dopo le dovute premesse terminologiche e concettuali riguardanti la situazione generale dell’adolescente nella società odierna, abbiamo indagato la condizione delicata e complessa dei soggetti adolescenti ricongiunti o nati in Italia da genitori immigrati. Sebbene le informazioni statistiche sulle seconde generazioni risultino piuttosto frammentarie, gli alunni con cittadinanza non italiana presenti nel sistema scolastico italiano sono il 6,4% della totalità, corrispondenti circa a 574.133 unità; le scuole primarie e secondarie di primo grado accolgono il maggior numero di allievi di origine straniera, rispettivamente il 7,7% ed il 7,3% della totalità della popolazione scolastica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione In una società globalizzata, ma eterogenea ed articolata come quella odierna, il dibattito che ruota attorno al fenomeno delle migrazioni e alle sue complesse dinamiche, risulta vivo e ricco di contributi. L‟Italia è divenuta luogo di immigrazione verso la fine degli anni settanta, quando il fenomeno migratorio iniziò ad essere statisticamente evidente (Ambrosini, 2005), fino a subire una brusca accelerazione tra la seconda metà degli anni settanta e la prima metà degli anni ottanta. A colpire è il ritmo di crescita: la presenza di cittadini stranieri in Italia ammontava nel 1970 a 144.000 unità ed all‟inizio del 2007 ne conta 3 milioni e 700.000, una quantità che implica una loro incidenza sulla popolazione del 6% (superiore di quasi un punto alla media europea). Se questo ritmo di crescita continuerà ad essere costante, si può ipotizzare che la popolazione straniera si triplicherà, raggiungendo i 10 milioni di unità, prima della metà del secolo 1 . Bisogna, inoltre, specificare che, a differenza di molti altri paesi europei, in cui la maggioranza delle presenze è costituita da un numero ridotto di nazionalità, in Italia la presenza straniera risulta essere molto varia e diversificata (Morselli, 2001). Tenendo presente queste peculiarità all‟interno del quadro generale dell‟immigrazione in Italia, il nostro elaborato si pone come obiettivo l‟analisi di alcune problematiche legate a una specifica fascia di età degli immigrati del nostro paese: l‟adolescenza. Dopo le dovute premesse terminologiche e concettuali riguardanti la situazione generale dell‟adolescente nella società odierna, abbiamo indagato la condizione delicata e complessa dei soggetti adolescenti ricongiunti o nati in Italia da genitori immigrati. Sebbene le informazioni statistiche sulle seconde generazioni 2 risultino piuttosto frammentarie, gli alunni con cittadinanza non italiana presenti nel sistema scolastico italiano sono il 6,4% della totalità, corrispondenti circa a 574.133 unità; le scuole primarie e secondarie di primo grado accolgono il maggior numero di allievi di origine straniera, rispettivamente il 7,7% ed il 7,3% della totalità della popolazione scolastica. 1 Dossier statistico immigrazione Caritas/Migrantes 2008. 2 Per individuo appartenente alla seconda generazione si intende generalmente un giovane nato in Italia da genitori immigrati. Per definizioni più dettagliate, cfr. più avanti al paragrafo 2.1.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Eleonora Rossini Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2359 click dal 10/11/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.