Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

George Orwell e la questione coloniale

Lavoro teso ad evidenziare il pensiero di George Orwell rispetto al fenomeno storico del colonialismo e dell'imperialismo (britannico in particolare) attraverso l'analisi dei suoi scritti e racconti, in particolare del romanzo giovanile Giorni in Birmania e della sua produzione giornalistica per il settimanale Tribune e il periodico The Observer.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Il lavoro qui presentato è teso ad evidenziare il pensiero di George Orwell, scrittore e giornalista britannico, rispetto al problema del colonialismo e dell’imperialismo, fenomeno storico che ha interessato, nei suoi caratteri di prevaricazione politica, dominio di alcuni popoli su altri e sfruttamento economico, la totalità del globo per ben due secoli, fra il 1800 e il 1900 e i cui effetti sono ben visibili anche nella società contemporanea. L’ elaborazione intende presentarsi come un’analisi innovativa in quanto, perlomeno in Italia, l’attenzione rivolta all’autore in questione è stata posta principalmente su altre tematiche da lui affrontate, in particolare alla riflessione sul fenomeno del totalitarismo esplicitata nei suoi romanzi più celebri, come La fattoria degli animali e, soprattutto, 1984. Si è deciso quindi di analizzare le opere considerate minori come il saggio Shooting an Elephant (1936), il romanzo Giorni in Birmania, pubblicato nel 1934 e derivato dalla personale esperienza giovanile di George Orwell in Birmania al servizio dell’ Indian Imperial Police ma anche la sua produzione giornalistica, che affronta peraltro tematiche piuttosto variegate, legata in particolare alla colonna As I Please del settimanale socialista Tribune e al periodico The Observer. A tal proposito si ritiene doveroso sottolineare fin da ora che, ai fini della trattazione, si è scelto di includere esclusivamente gli articoli scritti da George Orwell negli anni Quaranta, in quanto si è ritenuto che in tale periodo, immediatamente antecedente alla decolonizzazione, il problema relativo ai possedimenti inglesi fosse più accentuato che in precedenza e che di conseguenza, il dibattito risultasse più stimolante.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Martina Burato Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2219 click dal 11/11/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.