Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi sismica della nuova banchina nel settore ''D'' del Porto di Gioia Tauro

Il presente lavoro tratta delle verifiche di sicurezza della nuova banchina del porto di Gioia Tauro attraverso un software agli elementi finiti. Viene prestata particolare attenzione alla verfica sismica studiando il comportamento globale del molo sotto l'effetto di una accelerazione prodotta da un sisma reale il cui accelerogramma risulta spettrocompatibile con il sito di riferimento.
Vengono analizzate le principali problematiche geotecniche relative alle banchine portuali del porto di Gioia Tauro a seguito dei previsti lavori di approfondimento dei fondali, con particolare riguardo al comportamento sismico di tali opere, alla luce delle recenti Norme per Costruzioni (NTC2008). Nel primo capitolo si illustra il comportamento delle opere di sostegno flessibili in condizioni sismiche e le principali metodologie di progetto presenti in letteratura. Nel secondo si tratta della caratterizzazione geotecnica del sito oggetto di studio, il porto Gioia Tauro, sulla base di una estesa campagna di indagine comprendente numerose prove in situ. Nel capitolo 3 si valuta l'affidabilità dei software scelti per la modellazione del comportamento della banchina portuale utilizzando geometrie e modelli costitutivi semplici. Nel capitolo 4 si presentano le verifiche di sicurezza delle strutture in accordo con la vigente Normativa Tecnica Nazionale (NTC2008), in condizioni statiche e sismiche, utilizzando i codici di calcolo Sigma/W e Slope/W, operando sempre i dovuti confronti con le formulazioni semplici presenti in letteratura. Nel capitolo 5 si propongono i risultati delle analisi dinamiche semplificate secondo il modello del blocco rigido proposto da Newmark. Il calcolo viene svolto combinando tre codici di calcolo (Sigma/W-Quake/w-Slope/W) e utilizzando un segnale sismico di input scelto da un set di accelerogrammi spettro compatibili con lo spettro di risposta elastico target del sito in questione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa 4 PREMESSA Il presente lavoro analizza le principali problematiche geotecniche relative alle banchine portuali del porto di Gioia Tauro a seguito dei previsti lavori di approfondimento dei fondali, con particolare riguardo al comportamento sismico di tali opere, alla luce delle recenti Norme per Costruzioni (NTC2008). Nel primo capitolo si illustra il comportamento delle opere di sostegno flessibili in condizioni sismiche e le principali metodologie di progetto presenti in letteratura. Nel secondo si tratta della caratterizzazione geotecnica del sito oggetto di studio, il porto Gioia Tauro, sulla base di una estesa campagna di indagine comprendente numerose prove in situ. Nel capitolo 3 si valuta l‟affidabilità dei software scelti per la modellazione del comportamento della banchina portuale utilizzando geometrie e modelli costitutivi semplici. Nel capitolo 4 si presentano le verifiche di sicurezza delle strutture in accordo con la vigente Normativa Tecnica Nazionale (NTC2008), in condizioni statiche e sismiche, utilizzando i codici di calcolo Sigma/W e Slope/W, operando sempre i dovuti confronti con le formulazioni semplici presenti in letteratura. Nel capitolo 5 si propongono i risultati delle analisi dinamiche semplificate secondo il modello del blocco rigido proposto da Newmark. Il calcolo viene svolto combinando tre codici di calcolo (Sigma/W-Quake/w-Slope/W) e utilizzando un segnale sismico di input scelto da un set di accelerogrammi spettro compatibili con lo spettro di risposta elastico target del sito in questione.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Palmieri Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 611 click dal 28/10/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.