Skip to content

I misteri delle false memorie: come la mente crea ciò che non esiste

Informazioni tesi

  Autore: Tamara Peroni
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze Psicologiche
  Relatore: Beth Fairfield
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 35

Nell’ambito delle false memorie, nel presente studio di tesi è stato possibile approfondire i vari tipi di confabulazione, nonché i fattori generali che le determinano.
Nello specifico, sono stati messi in luce tre fenomeni: la confabulazione nella schizofrenia, le false confessioni e la pseudologia fantastica; i quali hanno come denominatore comune il fatto di non essere correlati a danni neurologici specifici.
Relativamente alle confabulazioni nella schizofrenia, è stato riportato un esperimento che indaga da una parte l’elasticità delle illusioni, ovvero la capacità delle illusioni di incorporare nuove prove contrarie ai fatti, senza alterare l’essenziale natura dell’illusione stessa; e dall’altra i livelli e i tipi di confabulazione riscontrata.
Per quanto riguarda invece le false confessioni, è stato presentato un esperimento che si propone di dimostrare come false prove incriminanti possano portare le persone a confessare crimini che non hanno mai commesso.
Vengono discussi inoltre, sempre relativamente a tale fenomeno, i fattori sociali che intervengono nella presentazione di false confessioni incriminanti.
E infine nella parte dedicata esclusivamente alla pseudologia fantastica, sono state esposte le caratteristiche costitutive di tale fenomeno e riportato un caso clinico che consente di valutarne gli aspetti bizzarri e allo stesso tempo drammatici.
L’analisi condotta si propone, in sintesi, di spiegare un aspetto delle false memorie, ancora poco indagato, nonostante il crescente interesse riscontrato, quello delle confabulazioni.
Rimane infatti, ancora per alcuni lati oscuro il modo in cui, soprattutto nei casi di false memorie non correlate a danni neurologici, “la mente crei ciò che non esiste”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Platone, nel Teeteto, quando deve spiegare cos‟è la memoria, cerca di definirla come qualcosa che si incide su una lastra di cera, più o meno liquida e poi aggiunge: “Se poi l‟anima non è profonda o è troppo piccola e ristretta, o ancora se è troppo liquida, le impronte si mescolano e si sovrappongono e ci vuole molto tempo a trovarle o addirittura è del tutto impossibile identificarle e si confonde un ricordo con un altro.” A riguardo delle false memorie ciò che è importante conoscere è se quello che abbiamo ricordato è fedele o no, se è possibile ricordare bene o ricordare male qualcosa che è accaduto. E‟ necessario a tal proposito riflettere sull‟evidenza che ricordare non è tirare fuori una fotografia, ma è un processo ricostruttivo; proprio a questo proposito lo scienziato Frederic Barlett dice che ricordare è una “ricostruzione immaginativa”, cioè un processo ricostruttivo in cui c‟entra l‟immaginazione, mentre lo scienziato Urlic Neisser associa la ricostruzione della memoria ad un processo simile alla costruzione di un dinosauro. In realtà spesso noi abbiamo una serie di dettagli che non c‟erano nel nostro cervello, ma, attraverso determinati elementi che ricordiamo, ri-immaginiamo tutto quello che c‟è intorno; ed è qui che la memoria comincia ad entrare in crisi, perché nel tentare di mettere insieme i vari pezzi sparsi nel cervello possiamo creare l‟immagine del dinosauro; poi magari come afferma lo stesso Neisser: “magari il dinosauro non era proprio così come l‟abbiamo fatto, perché nessuno l‟ha mai visto!”. A tal riguardo, Daniel L. Schacter, uno dei più grandi investigatori della memoria, nel suo libro I sette peccati della memoria: come la mente dimentica e ricorda, descrive i sette modi principali in cui la memoria fallisce e ci può tradire, che sono: la labilità: la debolezza della memoria che impedisce di ricordare ciò che è stato fatto a distanza di tempo; la distrazione: mancanza dell‟attenzione indispensabile per creare il ricordo; il blocco: l‟incapacità di recuperare un‟informazione che non abbiamo dimenticato e che poi ricordiamo quando non serve più; l‟errata attribuzione: il riferire le informazioni di un ricordo a una fonte o ad un contesto sbagliato; la suggestionabilità, che consente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

confabulazioni
pseudologia fantastica
false memorie
false confessioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi