Skip to content

Il Federalismo Americano e l’esperienza dell’integrazione Europea. Due esperimenti a confronto

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Pacella
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Silvio Fagiolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

Enormi cambiamenti hanno interessato il nostro continente nel secolo scorso ed è estremamente probabile che altri di eguale portata ne seguano. L’evoluzione investe, per ciò che concerne gli assetti istituzionali e gli ambiti della nostra riflessione, più livelli. Si è giunti a rimettere in discussione gli stessi pilastri concettuali su cui per decenni si è retto l’intero ordine internazionale (il concetto di sovranità, quello di democrazia e quindi di demos il corpo dei diritti, compresi i diritti dell’uomo che tendono ad una rilettura transnazionale). L’intero sistema di decodificazione della scienza politica e delle Relazioni Internazionali del continente europeo e di riflesso quello globale stanno cambiando, perché si modifica l’assunto di base. Lo Stato, su cui si è retto il sistema europeo a partire dalla formazione degli Stati nazionali (all’indomani del tramonto del feudalesimo) e che dal “vecchio continente” si è andato diffondendo in tutto il mondo, sta subendo una trasformazione sostanziale. Gli Stati membri dell’Unione Europea non sono più ipersovrani in un contesto internazionale tendenzialmente anarchico. Essi cedono sovranità verso l’alto e verso il basso, per citare un’affermazione in gran uso.
All’interno di questa complessità e nell’alveo di mutamenti così profondi abbiamo visto emergere passo dopo passo l’Unione Europea che ha impresso una spinta ancora più sostanziale alla “riscrittura” della storia. Le risposte che l’esperimento europeo fornisce ai bisogni basilari per un rilancio dello Stato sono a dir poco innovative. Proprio per le sue peculiarità l’Unione Europea, sebbene qualcuno ancora dissenta, non è classificabile all’interno delle categorie specifiche del secolo scorso. Sotto molteplici aspetti essa non si identifica come un’organizzazione internazionale, ma non mostra neanche le caratteristiche di uno Stato federale.
In questo lavoro non si vuole avere la presunzione di sciogliere una diatriba internazionale oggetto di imponenti riflessioni da parte di autorevoli studiosi. Si muove dal presupposto che in effetti (e se ne tenterà la dimostrazione nel quarto capitolo) l’Unione Europea sia un esperimento originale. Novità, però, non significa rottura netta con il passato, bensì un recupero delle migliori esperienze.
Viene da chiedersi perché mai si debba guardare, in questo processo, solo alla storia del proprio continente. Fintantoché le diversità non siano così grossolane da impedire la comparazione, non ci sarebbe motivo di non osservare anche i nostri vicini per apprendere dalla loro consolidata esperienza. L’Europa ha, come si vedrà, sicuramente appreso alcune fondamentali lezioni dal proprio passato autodistruttivo.
Gli Stati Uniti, negli anni della propria indipendenza, guardarono al vecchio continente per non ripeterne gli errori. L’Europa continua ad evolversi su una strada priva di un traguardo già ben definito. Sta a noi Europei dover precisare, più che l’obiettivo finale, la strada che desideriamo percorrere almeno nel breve termine. Per far ciò conviene mettere a frutto quello che la storia ci ha insegnato. Quando i padri fondatori americani si trovarono a dar vita ad un modello statuale completamente diverso, non dimenticarono il passato, cercarono, invece, di comprendere l’ermeneutica della storia e della filosofia europea per non commetterne gli errori.
Questa trattazione si prefigge l’obiettivo di dimostrare come gli Stati Uniti d’America e l’Unione Europea, seppure nella diversità, presentino delle caratteristiche simili.
Il lavoro cercherà di ripercorrere, parallelamente e in modo non esaustivo, alcuni passaggi fondamentali nel cammino dei due modelli istituzionali. Nel primo capitolo si descrivono gli Stati Untiti e l’Unione Europea, cogliendone la loro evoluzione nel tempo, sottolineando come vi siano stati cambiamenti anche sostanziali nell’architettura politica dalla fondazione al momento attuale. Nel secondo capitolo si è poi analizzata la nascita dei due esperimenti, ambedue scaturiti da una riflessione che ha portato ad una rottura con il passato europeo. Nel terzo capitolo abbiamo provato a rintracciare le somiglianze e le differenze nelle espansioni dei due soggetti analizzati. Nel quarto e ultimo capitolo ci siamo sforzati di individuare uno degli aspetti più affascinanti e complessi delle due esperienze: la sovranità. Tutti e due i modelli hanno elaborato una rilettura innovativa di questo concetto assolutamente imprescindibile nel panorama istituzionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  9  CAPITOLO 1 Questo capitolo si pone l’obiettivo di ripercorrere brevemente la storia delle due esperienze. É il percorso storico e l’evoluzione avvenuta negli anni a guidarci sul terreno comparativo. Una volta descritti i due percorsi separatamente, ci si propone di evidenziare quelli che si ritengono i punti di contatto fondamentali tra i due esperimenti e le risposte che si possono trarre da questa assimilazione. 1.1 GLI USA DALLA DICHIARAZIONE D’INDIPENDENZA AD OGGI: UN FEDERALISMO IN EVOLUZIONE 1.1.1 DAGLI ARTICOLI DI CONFEDERAZIONE ALLA COSTITUZIONE Il 4 luglio 1776 Thomas Jefferson e il Congresso che lo appoggiava firmarono la Dichiarazione d’indipendenza americana. Una data storica che, come molti hanno scritto, avrebbe segnato l’inizio di uno stravolgimento nel panorama geopolitico e la modifica, nel lungo periodo, degli assetti di potenza globali. All’epoca, però, l’Europa westfaliana, smembrata dai conflitti tra le nazioni e nella quale si iniziava già a percepire l’anelito rivoluzionario, non si rese conto della trasformazione che stava avvenendo. Nel 1777 il Congresso approvò “the articles of Confederation” soprattutto sotto la pressione generata dalle necessità imposte dalla guerra. Questa prima carta costituzionale istituiva un’unione estremamente blanda tra le tredici colonie. Fondamentalmente tutti i poteri rimanevano in mano ai singoli Stati. Come cita la carta stessa gli Stati si univano “[...]for their common defense, the security of their liberties, and their mutual and general welfare, binding themselves to assist each other, against all force offered to, or attacks made upon them [...]”. Le truppe, però, erano fornite e organizzate dagli Stati. La ragione principale per cui le tredici colonie decidevano di unirsi si può rintracciare nella protezione delle colonie stesse, infatti il potere principale del governo centrale consisteva nella gestione delle relazioni internazionali e solo quest’ultimo aveva il potere di dichiarare guerra. Ciò è spiegabile anche attraverso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione
sovranità
confederazione
federazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi