Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accoglienza critica italiana a "Profondo Rosso" (1975) di Dario Argento

Si tratta di un'analisi dettagliata dell'accoglienza critica italiana riservata al film "Profondo Rosso", di Dario Argento. La tesi si sofferma sulle recensioni dei quotidiani, delle riviste specialistiche e non specialistiche, tentando di tracciare delle considerazioni globali, in riferimento al rapporto tra le tematiche di genere e il cinema d'autore.
Viene analizzato anche il contesto politico della critica cinematografica negli anni '70.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Questo elaborato riguarda l’accoglienza critica italiana riservata a Profondo rosso (1975) di Dario Argento. Il primo capitolo affronterà la genesi del film, in particolare si concentrerà su alcune caratteristiche di Profondo rosso che maggiormente rappresentano la sua cifra stilistica, come l’accostamento di stili differenti nella scenografia, nella colonna sonora e nell’intreccio. Inoltre, sarà analizzato il rapporto fra Profondo rosso, il genere thriller e i suoi riferimenti cinematografici. Il secondo capitolo esaminerà l’accoglienza riservata al film sui quotidiani, tramite l’analisi delle recensioni che vertono soprattutto sul valore del giallo all’italiana declinato in chiave horror, secondo gli stilemi di Argento. Inoltre, si evidenzierà come le recensioni mettano in luce la capacità del regista di creare un’atmosfera di tensione e suspense, mediante tutti gli elementi del film. In ultimo, sarà presa in considerazione un’interpretazione politica di Profondo rosso, comparsa solo in poche recensioni.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Domenico del Mastro Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2160 click dal 31/10/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.