Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunità e Cultura come risorse di Resilienza

L’idea principale di questa tesi è l’approfondire come determinate risorse umane, dette risorse di resilienza, che portano all’aumento del benessere psicologico, sono influenzate dal contesto sociale e culturale all’interno del quale vivono gli individui.
Secondo la definizione dell’OMS il benessere psicologico è quello stato nel quale l'individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive ed emozionali per rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, adattandosi costruttivamente alle condizioni esterne e ai conflitti interni. Risulta chiaro che non è possibile prescindere da ciò che un individuo ha intorno, in quanto ciò influenza, sin dalla nascita le sue aspettative nei confronti degli altri e di sé stesso. Il benessere psicologico non comporta solo la soddisfazione personale, ma implica un percorso di sviluppo verso l’integrazione con il mondo circostante (Nussbaum e Sen, 1993), i cui risultati non sono immediati. Implica un processo di interazione e mutua influenza tra benessere individuale e collettivo che si realizza nell’ambito dello spazio sociale. I problemi umani infatti hanno sempre un versante individuale, in quanto è l’individuo che li subisce, ma spessissimo hanno anche un versante sociale in quanto nascono da situazioni sociali e generalmente è nel sociale (micro o macro che sia) che trovano gli strumenti materiali o psicologici per essere affrontati (Amerio, 2000).

Mostra/Nascondi contenuto.
“…nel mondo si affievolisce sempre più l’idea di servire l’umanità, l’idea di fratellanza e dell’unione universale e in verità quest’ idea è accolta perfino con derisione; del resto come farà ad abbandonare le proprie abitudini chi ormai ne è prigioniero? E dove potrà mai andare ora che ormai è tanto avvezzo ad appagare gli innumerevoli bisogni che lui stesso si è creato? Si vive nell’isolamento: che importa più della collettività? E il risultato è che si sono accumulati più beni materiali, ma è diminuita la gioia.” Dostoevskij, I fratelli Karamàzov, p. 436 INTRODUZIONE L’idea principale di questa tesi è l’approfondire come determinate risorse umane, dette risorse di resilienza, che portano all’aumento del benessere psicologico, sono influenzate dal contesto sociale e culturale all’interno del quale vivono gli individui. Secondo la definizione dell’OMS il benessere psicologico è quello stato nel quale l'individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive ed emozionali per rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, adattandosi costruttivamente alle condizioni esterne e ai conflitti interni. Risulta chiaro che non è possibile prescindere da ciò che un individuo ha intorno, in quanto ciò influenza, sin dalla nascita le sue aspettative nei confronti degli altri e di sé stesso. Il benessere psicologico non comporta solo la soddisfazione personale, ma implica un percorso di sviluppo verso l’integrazione con il mondo circostante (Nussbaum e Sen, 1993), i cui risultati non sono immediati. Implica un processo di interazione e mutua influenza tra benessere individuale e collettivo che si realizza nell’ambito dello spazio sociale. I problemi umani infatti hanno sempre un versante individuale, in quanto è l’individuo che li subisce, ma spessissimo hanno anche un versante sociale in quanto nascono da situazioni sociali e generalmente è nel sociale (micro o macro che sia) che trovano gli strumenti materiali o psicologici per essere affrontati (Amerio, 2000). Le persone e le comunità differiscono tra loro nella capacità di utilizzare gli strumenti forniti dai loro ambienti per far fronte alle difficoltà: “la storia dell’umanità è costellata da esempi di gruppi umani e persone che nonostante abbiano vissuto condizioni e situazioni di vita altamente sfavorevoli sono riusciti a resistere, far 1

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Linda Grazia Pola Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2888 click dal 02/11/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.