Skip to content

La tassazione del reddito dei non residenti

Informazioni tesi

  Autore: Raffaele Quaranta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Pasquale Pistone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

L’ambito della fiscalità internazionale, per quanto riguarda l’Italia, è disciplinato da tre ordini di norme: le norme di fonte interna, le norme di fonte internazionale, riconducibili alle cosiddette convenzioni internazionali e le norme di fonte comunitaria. L’art.2 del Tuir delinea i soggetti passivi dell’IRPEF, stabilendo che sono sottoposte all’imposta le persone fisiche residenti per i redditi ovunque prodotti e le persone fisiche non residenti per i redditi conseguiti nel territorio dello Stato. Da tale distinzione si evince l’importanza del concetto di residenza disciplinata dall’art.2 comma 2 e 2-bis del Tuir, infatti, attraverso tale articolo si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o che hanno nel territorio dello Stato il loro domicilio o la residenza ai sensi del Codice Civile. Altresì il comma 2-bis prevede che siano considerati residenti, salvo prova contraria, i cittadini italiani cancellati dalle anagrafi della popolazione residente in seguito al trasferimento in Stati o territori cosiddetti a “fiscalità privilegiata”, diversi da quelli rientranti nella cosiddetta white list, individuata dal decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze. Tale articolo ha comportato un’inversione dell’onere della prova che ora grava sul contribuente, il quale dovrà dimostrare che oltre alla cancellazione dalle anagrafi della popolazione residente, non ha più né la dimora abituale né il centro dei propri interessi in Italia. Spostando l’attenzione all’ambito societario, dall’analisi dell’art.73 comma 3 del Tuir, si comprende che sono considerate residenti le società e gli enti che per la maggior parte del periodo d’imposta hanno la sede legale o la sede amministrativa o l’oggetto principale nel territorio dello Stato. Le società e gli enti che detengono partecipazioni di controllo in società di capitali o enti commerciali nazionali hanno la sede dell’amministrazione nel territorio dello Stato se sono controllate, anche indirettamente, da soggetti fiscalmente residenti in Italia o se sono amministrate da un consiglio d’amministrazione composto per la maggior parte da consiglieri residenti nel territorio dello Stato. In conclusione i redditi d’impresa prodotti da società o enti non residenti per essere tassabili in Italia devono derivare da attività prodotte nel territorio dello Stato mediante stabili organizzazioni. L’art.162 del Tuir definisce la stabile organizzazione operando una distinzione tra stabile organizzazione materiale e personale. La stabile organizzazione materiale viene definita quale sede fissa di affari attraverso la quale l’impresa non residente esercita in tutto o in parte la propria attività sul territorio dello Stato; il comma 2 dell’art.162 espone l’elenco dei casi in cui è configurabile una stabile organizzazione: una sede di direzione, una succursale, un ufficio, un’officina, un laboratorio, una miniera, un giacimento petrolifero o di gas naturale, una cava o altro luogo di estrazione di risorse naturali. continua.....

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3    Introduzione La presente tesi si pone l’obiettivo di fornire un quadro completo sul trattamento tributario, ai fini delle imposte dirette dei soggetti non residenti, persone fisiche e giuridiche, e quindi di analizzare le norme in materia di localizzazione e trattamento del reddito. Tale ambito risulta quanto mai attuale, infatti, la piena affermazione della globalizzazione ha causato una crescita dei rapporti con l’estero e di conseguenza la sua importanza; recentemente tale materia è stata al centro di numerose discussioni a livello mondiale, soprattutto per quanto riguarda il trasferimento della residenza in paesi a fiscalità privilegiata ed il fenomeno dell’estero vestizione, cioè quella particolare forma di “raggiro” delle norme tributarie, realizzata mediante l’illegittimo occultamento della residenza fiscale reale e l’assunzione indebita di una residenza di facciata. La tesi si compone di tre capitoli che formano una sorta di percorso che ci condurrà dal concetto di residenza fiscale, passando per il nucleo centrale della tesi, la tassazione dei non residenti, per poi arrivare alla trattazione di un caso pratico interessante, la tassazione degli artisti e degli sportivi non residenti. Il primo capitolo approfondisce il concetto di residenza fiscale, sia delle persone fisiche che di quelle giuridiche, presupposto che fa da spartiacque tra i

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiscalità internazionale
stabile organizzazione
convenzioni internazionali
prezzi di trasferimento
consolidato mondiale
residenza fiscale
paesi a fiscalita' privilegiata
tassazione dei non residenti
holding di partecipazioni
regime cfc
tassazione dei redditi degli artisti e sportivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi