Skip to content

Cum oculo vitro armato facile observare est – Antonio Vallisneri e la microscopia in Italia tra XVII e XVIII secolo: un’indagine storico-naturalistica

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Luzzini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Franco Andrietti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

Questa tesi il 22 maggio 2007, a Roma, ha vinto il Premio come miglior tesi di laurea in Storia della Biologia (anno 2006), conferito dall'Accademia Nazionale delle Scienze (detta dei XL)

***************
Argomento di questa tesi è l'identificazione del microscopio utilizzato dal medico e naturalista emiliano Antonio Vallisneri (1661-1730) nel corso d'alcune sue significative ricerche scientifiche.
L’indagine è stata strutturata in tre fasi:
- Analisi estesa dei testi vallisneriani, editi e manoscritti, alla ricerca dei brani contenenti informazioni relative all’uso del microscopio da parte di Vallisneri.
- Formulazione di un’ipotesi, sulla base di elementi di compatibilità cronologica e descrittiva, fra le fonti considerate ed il livello raggiunto dalla tecnica microscopica contemporanea.
- Verifica sperimentale dell'ipotesi, attraverso la riproposizione di una o più osservazioni riportate dall’autore, utilizzando lo stesso materiale biologico ed il medesimo tipo di strumento.
La ricerca ha portato ad individuare, con un buon margine di certezza, il tipo di strumento di cui Vallisneri si servì per l’osservazione degli spermatozoi: questo è stato ipotizzato essere un microscopio semplice Wilson, appartenente alla vasta categoria dei modelli screw-barrel, fabbricato nel primo decennio del XVIII secolo.
La possibilità di poter usufruire di diversi esemplari di questo microscopio, custoditi presso il Musée d’Histoire des Sciences di Ginevra, ha reso possibile una verifica sperimentale dell'ipotesi. In questo modo è stato possibile ottenere una chiara osservazione degli spermatozoi di coniglio per mezzo di tre delle lenti ancora conservate, confermando la validità dell'ipotesi.

Il corpo centrale della tesi è strutturato in tre parti.
La sezione introduttiva presenta un riassunto del panorama scientifico in Italia nel periodo storico considerato (par. 1.1); segue la presentazione della figura di Antonio Vallisneri, unita ad una sintesi degli studi e delle opere di questo autore (par. 1.2); si espongono infine la nascita e l’evoluzione della microscopia dalle origini alla prima metà del XVIII secolo, con un cenno particolare alle tecniche di costruzione e di lavorazione delle lenti (par. 1.3).
Nella seconda parte si descrivono i metodi utilizzati per la preparazione dei campioni da esaminare e per consentire l’osservazione di questi attraverso i microscopi Wilson (par. 2.1) e le tecniche adoperate per fotografare le immagini(par. 2.2).
Nella terza parte si mettono in evidenza e si analizzano in dettaglio i brani di Vallisneri su cui ci si è basati per dedurre il tipo di microscopio utilizzato dall’autore (par. 3.1) e si espongono gli indizi che hanno portato all'identificazione, seguiti da una descrizione approfondita dei microscopi Wilson custoditi presso il Musée d’Histoire des Sciences di Ginevra (par. 3.2); si passa infine ad esporre i risultati ottenuti con l’uso di questi strumenti (par. 3.3).
Nella discussione si esegue un confronto tra le immagini ottenute utilizzando i microscopi di tipo Wilson e quelle realizzate avvalendosi di un moderno microscopio.
Nelle conclusioni è proposta una riflessione sul ruolo svolto dai microscopi semplici nell’attività di Vallisneri e, più in generale, nel progredire della ricerca scientifica dell’epoca.
L'appendice presenta la traduzione di due dei tre pamphlet che James Wilson dedicò ai microscopi da lui ideati e prodotti, integrata con le riproduzioni delle tavole originali (Appendice 1 e 2), e di un capitolo del trattato di Baker del 1769, "The microscope made easy", contenente una descrizione del microscopio utilizzato in questo lavoro (Appendice 3); vengono infine approfonditi alcuni argomenti di ottica geometrica (Appendice 4).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scienze naturali
xviii secolo
medicina
microscopia
storia della scienza
xvii secolo
antonio vallisneri
embriologia
spermatozoi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi