Skip to content

Dal Processo di Norimberga alla scienza medica odierna.

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Costantino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Giuseppe Restifo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

Il 20 agosto 1947 venne resa nota la sentenza del Processo ai medici. Fu la parte del Processo di Norimberga che più fece scalpore. Bisognava condannare in maniera esemplare medici che si erano macchiati di crimini contro l’umanità.
La mia tesi ha inizio dalle testimonianze di difesa degli imputati e dalle caratteristiche salienti della sentenza, per poi tornare a ritroso nel tempo, all’epoca degli esperimenti incriminati.
Si trattò di esperimenti spesso motivati da odio razziale e in taluni casi di nessun esito scientifico.
Ciononostante i risultati di alcuni di essi vengono citati nelle riviste scientifiche.
Vari studiosi si sono arrogati il compito gravoso di aprire un dibattito, a tutt’oggi in corso, riguardo l’uso e abuso dei suddetti risultati.
Ciò che lascia maggiormente sconcertati è però il constatare che, mentre vari medici nazisti continuarono a praticare la professione medica senza limitazione alcuna, si veda a riguardo il caso del Dottor Sewering, per contro il pubblicare articoli sulla Germania nazista nel dopoguerra provocava serie conseguenze alla carriera.
Molte sono le domande che ci si pone.
Tra di esse la più significativa è forse quella che concerne quale sia l’atteggiamento che uno storico e un medico devono adottare nei riguardi di tali risultati, se sia moralmente giusto condannare tali esperimenti e tutto ciò che ad essi fa riferimento o se sia necessario apprendere da essi.
Mentre ci si chiede se sia moralmente lecito utilizzare dati ottenuti mediante atroci sofferenze e sadismo, alcuni studiosi di fama internazionale sono intenti nella pubblicazione di tali risultati.
Bisogna altresì porre il lettore di fronte all’evidenza che tali risultati sarebbero stati inottenibili senza esperimenti su cavie umane.
L’ultima parte di questa tesi si sofferma a proporre al lettore brevi esempi di studiosi che hanno adoperato tali risultati per poi passare ad enucleare i vari problemi etici scaturiti dall’uso e dal non-uso dei dati.
Per concludere si rimanda ad una frase di Velvl Greene, docente presso l’università israeliana Ben Gurion (contenuta in: HORST H. FREYHOFER, The Nuremberg Medical Trial, The Holocaust and the Origin of the Nuremberg Medical Code, Peter Lang Publishing, New York 2005, p.161):
To paraphrase Heine’s immortal warning about burning books and burning people, a society that burns Nazi data will soon go on to burn other data that will be deemed in the future as equally excoriable. What will be next after Rascher’s notes and Mengele’s report? South African medical journals look like good candidates.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Il Processo di Norimberga contro i medici nazisti. 1.1.Aspetti peculiari della sentenza. “Sono passati tanti anni, 20 novembre 1945. A Norimberga molte case erano senza muri esterni; si vedevano letti, armadi, cucine. Gran parte della gente viveva negli scantinati. C'erano montagne di macerie che il gelido inverno tedesco copriva di neve. [ … ] I giornalisti erano alloggiati allo Schloss Faber, un castello che apparteneva a quei signori delle matite: dormivano tutti in uno stanzone; i giudici stavano al Grand Hotel, sistemato alla svelta dai genieri. […] I camion avevano trasportato 1100 tonnellate di documenti. Alla prima solenne udienza ne seguirono quattrocentosei. L'atto di accusa, di cui venne data subito lettura, consisteva in un fascicolo di settanta pagine, trentamila parole in tutto. Alla fine, gli interrogatori vennero raccolti in quarantadue volumi.[...] La stampa era divisa: «Non è possibile essere nello stesso tempo giudice e parte in un processo» scrivevano. Durò dieci mesi il dibattimento. Qualcuno conservò la sua fierezza. […] L'esecuzione fu fissata per la notte del 16 [ottobre 1946]. Otto inviati speciali, estratti a sorte, poterono assistere. Tre gigantesche forche vennero issate in una palestra, la parte del boia toccò a un sergente americano, John Wood, che se ne è andato all'altro mondo collaudando una sedia elettrica; aveva deciso di continuare il mestiere, e per scrupolo professionale volle procedere a un collaudo di persona: la macchina funzionò perfettamente. Alla fine disse: «Dieci in centotré minuti. Un lavoro perfetto». “ 1 Süddeutsche Zeitung, 1º ottobre 1946. “Die Befürworter der Menschenversuche begründen ihre Ansicht damit, dass solche Versuche für das Wohl der Menschheit Ergebnisse erzielen, welche durch andere Methoden oder Studien nicht zu erlangen sind. Sie stimmen alle jedoch darin überein, dass gewisse Grundprinzipien befolgt werden müssen, um mit moralischen, ethischen und juristischen Grundregeln im Einklang zu stehen.” 2 Il cosiddetto “Processo dei medici” si svolse nella città di Norimberga dal 9 dicembre 1946 al 19 agosto 1947. 1 E. BIAGI, Il Processo di Norimberga, il terzo Reich muore in palestra, in: www.imaginaryboys.altervista.org/italiano/nazismo/norimberga.htm. Si fa riferimento al processo contro i capi nazisti. 2 A. MITSCHERLICH-F.MIELKE, Medizin ohne Menschlichkeit, Dokumente des Nürnberger Ärzteprozesses, Frankfurt am Main 2004, p. 354.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
nazismo
etica
processo
esperimenti
norimberga
medici
risultati scientifici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi