Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Biologia e controllo di MURDANNIA KEISAK (Hassk.) Hand. - Mazz. Nuova infestante del riso

La tesi tratta lo studio della MURDANNIA KEISAK (Hassk.) Hand.-Mazz., infestante del riso che cresce vicino a pozze, paludi, fossi e laghi, dove negli ultimi 5-6 anni trova condizioni ideali di sviluppo anche in risaia sommersa. Erba perenne in alcune zone tropicali del mondo, ha comportamento annuale negli USA e in Italia. Dopo una breve introduzione sull’Oryza Sativa L., la Murdannia viene approfodita da uno studio tassonomico e morfologico. La tesi contiene anche due parti sperimentali, una riguardante la capacità di germinazione in laboratorio della Murdannia e una parte sullo studio dei metodi di controllo con relative prove in campo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Introduzione 1.1 Il riso: caratteri botanici e fisiologici Il riso (Oryza sativa L.) appartiene al genere Oryza, tribù Oryzeae, sottofamiglia Pooideae, famiglia Graminacee. A tale genere vengono attribuite 22 specie idrofile con numero cromosomico 2n uguale a 24 o 48 (Tamborini e Legnani, 2005) Tutte le forme di riso coltivate appartengono alle specie: Oryza sativa, originaria quasi sicuramente del sud-est asiatico e coltivata in tutto il mondo e Oryza glaberrima, originaria e coltivata solo in alcuni areali africani. Entrambe le specie presentano un corredo cromosomico diploide 2n uguale a 24 (Tinarelli,1973). Di Oryza sativa si distinguono tre sottospecie: • Oryza sativa sub. indica caratterizzata da foglie strette, cariossidi strette, allungate e appiattite, da spighette generalmente mutiche e da grande capacità di accestimento (coltivata soprattutto nei paesi asiatici). • Oryza sativa sub. japonica caratterizzata da foglie sottili, cariossidi larghe, spesse, più o meno arrotondate, da spighette mutiche o aristate e da accestimento medio (coltivata in Italia). • Oryza sativa sub. javanica caratterizzata da foglie larghe, cariossidi larghe, spighette generalmente aristate e da ridotto accestimento (Tamborini e Legnani, 2005). Il riso, nelle specie e nelle varietà conosciute in Italia o nei paesi europei, è una pianta erbacea annuale coltivata molto spesso in condizioni di terreno saturo o sommerso (Tinarelli,1973). Il sistema radicale è di tipo fascicolato, ricco di radici avventizie che si originano dalla zona del colletto. Nella zona corticale più esterna, al di sotto dell’esoderma, il parenchima risulta percorso da ampie cavità aerifere; questo permette l’adattamento della pianta all’ambiente sommerso (Tamborini e Legnani, 2005). La pianta di riso La pianta di riso è dotata di un sistema radicale costituito da radici embrionali e da radici avventizie. Le radici seminali compaiono alla germinazione del

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Simone D'angelo Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 374 click dal 11/11/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.