Skip to content

90 Secondi. L'HIV/AIDS in Africa. I Casi Nigeria e Sudafrica

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Todde
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Bianca Maria Carcangiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

Ogni giorno, circa 7400 persone al mondo diventano sieropositive e 5500 muoiono per malattie connesse all’AIDS. Le mancanze nell’attuazione degli Obiettivi del Millennio, secondo le parole del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, non dipendono dal fatto che sono irrealizzabili o per la carenza di tempo, ma dagli impegni non attuati, dall’inadeguatezza delle risorse e dalla mancata concentrazione su di essi”.

Questo è il punto di partenza sul quale si sviluppa la tesi di Stefano Todde, ultimo edito dalla casa editrice Athena intitolato AfricAids-Una Cultura Infetta?. Dopo un'introduzione alla nascita del virus dell'HIV, e alla sua diffusione su scala mondiale, Todde analizza i casi di due tra i paesi più colpiti da tale piaga: la Nigeria e il Sudafrica.

All'indagine sociale (le fasce di popolazione colpite, i fattori che permettono l'epidemia) si affianca l'analisi economica (“AIDS e povertà si alimentano a vicenda”), politica (spesso i governi sudafricano e nigeriano hanno avuto la tendenza a negare l'esistenza stessa del virus) e, soprattutto, culturale; quest'ultima, in particolare, cerca di affrontare i problemi sia della prevenzione (“non esistono persone a rischio, esistono comportamenti a rischio”), sia dell'inclusione sociale (i sieropositivi sono spesso emarginati, talvolta persino accusati di stregoneria) sia dell'indifferenza dei paesi occidentali rispetto allaquestione.

Perché quella dell'AIDS non è una tragedia africana, è una tragedia globale; come scrive l'autore, “l'AIDS è ben più di una malattia che colpisce il nostro corpo. Non si risolve nel semplice campo della medicina, ma unisce tutti i livelli della vita dell'essere umano. L'AIDS è in stretta connessione con la sfera politica, economica, sociale e culturale, e agisce tanto nel pubblico quanto nel privato, a livello personale, familiare, per raggiungere la comunità, la nazione, e tutti i continenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
11 INTRODUZIONE ―È già abbastanza triste che al mondo le persone muoiano a causa dell‘AIDS, ma nessuno dovrebbe morire a causa dell‘ignoranza‖ Elizabeth Taylor Gli scienziati statunitensi hanno scoperto che il primo caso di AIDS risale non, come si credeva, all‘inizio degli anni Ottanta, ma al 1959. La malattia accompagnerebbe l‘umanità da almeno quarant‘anni e si sarebbe inizialmente sviluppata nell‘ex Congo Belga, dove avrebbe colpito un cittadino bantù di Leopoldville, l‘attuale Kinshasa. La notizia è stata data alla quinta conferenza sui ―Retrovirus‖ a Chicago, e ha destato molta sensazione. Si riteneva infatti che l‘AIDS fosse stata introdotta in America da un assistente di volo canadese nel 1981. Non è escluso, inoltre, che la malattia sia apparsa ancora prima, negli anni Quaranta. Il dottor David Ho della Rockefeller University di New York, ha aggiunto inoltre che il virus dell‘HIV varia da continente a continente. ―Era importante scoprire come il virus si evolvesse‖ ha sottolineato il medico; ―perciò siamo andati il più possibile indietro nel tempo ottenendo questo sorprendente risultato‖. Il virus in Africa dopo il 1959 si propagò attraverso i viaggi della gente e la prostituzione, ma la malattia, tuttavia, fu scoperta solo quando arrivò in Occidente 1 ‖. Al pari della Peste Nera e dell‘Influenza Spagnola, dal 1° dicembre 1981 (data cui si fa risalire ufficialmente il primo caso) ad oggi, una terza epidemia ha colpito il Mondo in maniera inesorabile: l‘AIDS. Argomento del tutto di secondo piano nel mondo Occidentale, oggi più di 33,3 milioni di persone sono sieropositive e dalla sua comparsa questa epidemia ha causato più di 30 milioni di decessi. Nonostante gli incredibili passi in avanti fatti dalla ricerca in campo di farmaci e trattamenti, non esiste ancora una cura o un vaccino, e l‘epidemia è lungi dal fermarsi. Oggi, soltanto i corretti comportamenti di ogni singolo individuo possono salvarlo dal virus dell‘HIV e dall‘AIDS. La prevenzione è quindi l‘unica arma in mano agli uomini per debellare la peste del XXI secolo. Continente di malattie dimenticate dall‘uomo bianco occidentale, come la poliomielite, la tubercolosi, la malaria, l‘Africa Sub Sahariana è la terra più colpita. In questa regione del mondo, l‘AIDS è la prima causa di morte. Precede le morti per malnutrizione, quelle per malaria e quelle per la più temibile tubercolosi. Al Summit delle Nazioni Unite sugli Obiettivi del Millennio tenutosi a New York il 20/22 settembre 2010, tra gli obiettivi da raggiungere entro il 2015 troviamo, al punto 6, la lotta all‘HIV/AIDS. Entro il 2015 l‘obiettivo è quello di invertire il costante aumento delle persone sieropositive e assicurare a tutti i bisognosi l‘accesso alle cure ed ai trattamenti per l‘HIV/AIDS. Ogni giorno, circa 7400 persone al mondo diventano sieropositive e 5500 muoiono per malattie connesse all‘AIDS. Le mancanze nell‘attuazione degli Obiettivi del Millennio, secondo le parole del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, non dipendono dal fatto che questi siano irrealizzabili o per la carenza di tempo, ma dagli 1 Caretto Ennio: ―Il primo caso di AIDS risale al 1959‖ - Corriere della Sera, 4 febbraio 1998

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi